le notizie che fanno testo, dal 2010

SuperMario "simbolo anticamorra". Balotelli su Twitter: "Questo lo dite voi!"

Alla Gazzetta dello Sport che lo vedeva già come un "simbolo anticamorra" Mario Balotelli su Twitter replica: "Questo lo dite voi! Io vengo perché il calcio e bello e tutti devono giovarlo dove vogliono e poi c'è la partita!!!!". Cinguettio imbarazzante non solo per gli errori di grammatica ma per il messaggio in sé, e che "forse voleva mandare a qualcuno" come ipotizza la senatrice del Pd Rosaria Capacchione.

Ancora polemiche per Mario Balotelli, questa volta iniziate fuori dal campo. Alla Gazzetta dello Sport che lo vedeva già come un "simbolo anticamorra" per aver deciso di andare a Napoli nonostante la gastroenterite, Mario Balotelli risponde con seccamente su Twitter: "Questo lo dite voi! Io vengo perché il calcio e bello e tutti devono giovarlo dove vogliono e poi c'è la partita!!!!". Il cinguettio di Mario Balotelli, naturalmente, non è imbarazzante solo per gli errori di grammatica e di sintassi ma per il messaggio in sé, e che "forse voleva mandare a qualcuno" come ipotizza la senatrice del Pd Rosaria Capacchione, giornalista nota per il suo impegno contro la camorra, e per questo da anni vive sotto scorta. Capacchione non usa mezzi termini per definire le parole del calciatore azzurro: "Balotelli è un imbecille. Nel migliore dei casi è un bambino capriccioso, viziato e pieno di soldi, che vive in un ambiente in cui è difficile distinguere il bene dal male. In una situazione del genere, dopo i problemi che ha avuto lui in passato, lanciare messaggi di questo tipo in una terra come questa può essere fortemente inopportuno. - aggiungendo - Da giornalista, poi, mi domando perché l'abbia fatto". Balotelli, con tutta la nazionale, si è infatti recata a Quarto non solo per un allenamento e una partitella amichevole ma per dimostrare l'impegno degli azzurri contro la camorra. Quarto è infatti un comune dove la giunta è stata sciolta per infiltrazioni mafiose e per questo sostituita da un commissario prefettizio. Anche la Nuova Quarto per la Legalità, che ha incontrato gli azzurri nel piccolo stadio Giarrusso, è attualmente sostenuta dalle associazioni antiracket, dopo essere nata sulle ceneri della precedente società sequestrata dalla magistratura per rapporti con un clan camorristico locale. "La Nazionale è a Quarto per dimostrare la vicinanza, la solidarietà, l'adesione ai valori in cui ci riconosciamo. La nostra presenza vale più di tante parole" assicura il presidente della Fgic Giancarlo Abete. Anche di quelle di Mario Balotelli.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: