le notizie che fanno testo, dal 2010

Neutrini: vera sfida ad Einstein è il "Tunnel Gelmini" di 732 Km

Il "Tunnel Gelmini" è il nuovo tormentone dei social network. Si tratta del tunnel "tra il CERN ed i laboratori del Gran Sasso, attraverso il quale si è svolto l'esperimento" come affermava la Gelmini il 23 settembre in un comunicato. Una gaffe per i "detrattori", una "polemica ridicola" per il Miur.

Da alcuni giorni Twitter cinguetta su un tormentone che riguarda il ministro dell'Istruzione (e anche dell'Università e della Ricerca) Mariastella Gelmini. Si tratta del "Tunnel Gelmini" ovvero il "tunnel" che unirebbe il CERN di Ginevra con l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare abruzzese del Gran Sasso "attraverso il quale si è svolto l'esperimento", come si legge in un comunicato del ministro. L'esperimento è ovviamente quello sui "neutrini più veloci della luce" di cui vi abbiamo già parlato qualche giorno fa (leggi "Neutrini più veloci della luce. Gran Sasso smentisce Einstein" http://is.gd/0Tt5m4). Il tormentone e le parodie (molte anche fotografiche) sui social network nascono da un comunicato stampa del Miur pubblicato sul sito del Ministero il 23 Settembre dove si festeggia l'avvenimento del superamento della velocità della luce (http://is.gd/3W7lcz). Dichiara nel comunicato il ministro Gelmini: "Rivolgo il mio plauso e le mie più sentite congratulazioni agli autori di un esperimento storico. Sono profondamente grata a tutti i ricercatori italiani che hanno contribuito a questo evento che cambierà il volto della fisica moderna. Il superamento della velocità della luce è una vittoria epocale per la ricerca scientifica di tutto il mondo". Poi la Gelmini sottolinea: "Alla costruzione del tunnel tra il Cern ed i laboratori del Gran Sasso, attraverso il quale si è svolto l'esperimento, l'Italia ha contribuito con uno stanziamento oggi stimabile intorno ai 45 milioni di euro". Leggendo queste parole, come se si fosse davanti ad un montaggio cinematografico "corale", molte migliaia di persone, a quanto si può leggere in rete, sono letteralmente scoppiate a ridere davanti allo schermo, incominciando a canzonare simpaticamente il ministro e il suo "tunnel", ribattezzandolo in suo onore "Tunnel Gelmini". Il "Tunnel Gelmini", scavato tra il CERN e i Laboratori Nazionali del Gran Sasso, sarebbe lungo ben 732 Km, tanta è la distanza che i neutrini percorrono "nella terra" dalla Svizzera all'Abruzzo, e fa impallidire trafori come quello della TAV Torino-Lione (circa 57,3 km), non solo per l'arditezza tecnica, ma anche perché la sua costruzione è stata fatta alla chetichella e senza alcuna protesta delle (molte) popolazioni interessate. Le parodie sul "Tunnel Gelmini" si possono trovare facilmente su Twitter battendo le due ormai mitiche parole chiave, anche nella loro declinazione hashtag (ovvero precedute dal "cancelletto"). E così si scoprirà che è proprio il "Tunnel Gelmini" la vera sfida ad Einstein, data la complessità ingegneristica della galleria. I messaggi contro la Gelmini e "il suo tunnel" sono stati talmente tanti nelle prime ore che ci si aspettava che il giorno dopo (cioè il 24 settembre) ci sarebbe stata una rettifica da parte del Miur, o magari le dimissioni di qualche funzionario "capro espiatorio". La risposta del Miur è stata invece un nuovo comunicato dal titolo "Miur, Polemica ridicola" (http://is.gd/4uFDuB). Ecco il testo: "L'ufficio stampa del Ministero precisa che, ovviamente, il tunnel di cui si parla nel comunicato di ieri, non è per nessuna ragione intendibile come un tunnel che collega materialmente Ginevra con il Gran Sasso. Questo è di facile intuizione per tutti e la polemica è assolutamente strumentale. Il tunnel a cui si fa riferimento è quello nel quale circolano i protoni dalle cui collisioni ha origine il fascio di neutrini che attraversando la terra raggiunge il Gran Sasso. Alla costruzione di questo tunnel e delle infrastrutture collegate l'Italia ha contribuito con uno stanziamento oggi stimabile intorno ai 45 milioni di euro. Questa polemica è dunque destituita di fondamento ed è assolutamente ridicola". Ma la polemica non accenna a spegnersi, molti infatti hanno trovato la risposta del Ministero "più imbarazzante del comunicato iniziale". Per altri però è assolutamente normale che la frase "alla costruzione del tunnel tra il Cern ed i laboratori del Gran Sasso, attraverso il quale si è svolto l'esperimento" significhi che il tunnel in questione è "quello nel quale circolano i protoni dalle cui collisioni ha origine il fascio di neutrini che attraversando la terra raggiunge il Gran Sasso". Altri ancora pensano che il secondo comunicato sia il vero capolavoro di ingegneria. Linguistica.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: