le notizie che fanno testo, dal 2010

Governo classifichi obesità come malattia cronica, chiede Rizzotti (Forza Italia)

"Una mozione bipartisan per chiedere al governo di classificare l'obesità come malattia cronica da contrastare con efficacia è un primo passo di fondamentale importanza", afferma in una nota Maria Rizzotti di FI.

"Una mozione bipartisan per chiedere al governo di classificare l'obesità come malattia cronica da contrastare con efficacia è un primo passo di fondamentale importanza. Tanto più se si pensa che il problema è triplicato negli ultimi anni in Europa ed è in costante crescita anche nei Paesi a reddito medio-basso" spiega in una nota la senatrice di Forza Italia Maria Rizzotti.
"L'obesità è strettamente correlata con numerose malattie, da quelle cardiovascolari al diabete, e nel caso dei bambini incide in maniera preoccupante sulla sensibilità dell'insulina. - ricorda - E' necessario quindi che il governo si impegni attivamente, anche attraverso campagne di stampa, per favorire un piano nazionale che coinvolga il Ministero della Salute, quello della Pubblica Istruzione e gli organi di informazione. C'e' bisogno, e non solo per i costi enormi che si scaricano sul Servizio Sanitario Nazionale, di un'inversione di rotta culturale che abbia il sostegno anche delle scuole primarie".
"L'obesità riduce di dieci anni l'aspettativa di vita. E quella infantile in Italia è seconda solo a quella degli Stati Uniti. Due dati allarmanti che il governo ha il dovere di non sottovalutare" evidenzia infine la parlamentare.

© riproduzione riservata | online: | update: 18/05/2016

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Governo classifichi obesità come malattia cronica, chiede Rizzotti (Forza Italia)
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI