le notizie che fanno testo, dal 2010

Marco Pannella: salute sempre più critica. L'appello per lo Stato di diritto alla conoscenza

La salute di Marco Pannella sembra essere sempre più critica. Nonostante questo Marco Pannella rivolge un appello ai microfoni di Radio Radicale per uno Stato di diritto e il diritto alla conoscenza contro la ragion di Stato. Se non fosse quindi iniziato una sorta di pellegrinaggio verso l'abitazione di Marco Pannella da parte di amici e nemici politici in pochi avrebbero saputo che le condizioni di salute del leader radicale sembrano andare peggiorando.

La salute di Marco Pannella sembra essere sempre più critica. Marco Pannella, 86 anni, è malato da tempo, afflitto in particolare da due tumori uno ai polmoni e uno al fegato, anche se in realtà sarebbe stato il tumore polmonare a sfociare con metastasi epatica. Nonostante questo Pannella ha sempre proseguito la sua vita e le sue battaglie, continuando a fumare e a fare scioperi della fame. Solo questa mattina Marco Pannella è intervuto a Radio Radicale attraverso un collegamento registrato sulla battaglia che il leader radicale porta avanti da molto tempo, rivolgendo un appello affinché lo Stato italiano sostenga e avvii la transizione per uno Stato di diritto e il diritto alla conoscenza contro la ragion di Stato.

Dai microfoni di Radio Radicale Pannella invita quindi tutti i politici a fare "immediatamente qualcosa di preciso umile e semplice: - ricordando - da molto tempo sto personalmente cercando di avvisare lo Stato italiano di cogliere l'urgenza, la necessità di un evento democratico vitale per la realtà italiana. Devono sapere che questo vecchio loro connazionale li supplica che gli italiani non siano impediti di compiere questo gesto simbolico, essenziale alla vita dello Stato e non al sopravvivere della triste realtà del regime. Quindi chiedo che manifestino il loro sostegno".

Se non fosse quindi iniziato una sorta di pellegrinaggio verso l'abitazione di Marco Pannella da parte di amici e nemici politici in pochi avrebbero saputo che le condizioni di salute del leader radicale sembrano andare peggiorando. Qualche giorno fa in via della Panetteria a Roma, tra il Quirinale, il Parlamento e Palazzo Chigi, si è recato anche Silvio Berlusconi, assicurando dopo la visita: "L'ho trovato bene, di aspetto rassicurante. Ci siamo detti che ci vedremo anche nei prossimi giorni. - ricordando - È una persona che ha fatto 70 anni di battaglie politiche ed è probabilmente, anzi sicuramente, l'italiano che ha dato si più al suo paese dal punto di vista della dialettica politica, facendo battaglie su tutto ciò su cui gli sembrava giusto impegnarsi. Un grande personaggio a cui sono molto affezionato. Se in Italia c'è una personalità che ha sempre lottato e continua a lottare per la crescita civile, morale e politica dell'Italia, questa è Marco Pannella. Siamo stati e siamo accanto a lui in tante battaglie, la prima delle quali è per una giustizia giusta. Su altre siamo stati divisi, ma da sempre ci accomuna l'amore per la libertà e per la democrazia".

Ma a trovare Pannella sono andati anche Roberto Giacchetti e Matteo Renzi, e poi Fausto Bertinotti e l'ambasciatore israeliano Naor Gilon oltre ai tanti compagni radicali. E non sono mancate neanche conversazioni telefoniche tra Marco Pannella e Sergio Mattarella, Giorgio Napolitano e Beppe Grillo, e non ultima quella via Skype con Laura Arconti, la 91enne presidente dei Radicali Italiani.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: