le notizie che fanno testo, dal 2010

Dell'Utri, processo: 7 anni per concorso esterno associazione mafiosa

La Corte d'Appello del processo bis condanna Marcello Dell'Utri a 7 anni per concorso esterno associazione mafiosa. L'ex senatore di Forza Italia commenta rassegnato: "Il romanzo criminale continua".

La Corte d'Appello conferma la pena di 7 anni per concorso esterno associazione mafiosa ai danni di Marcello Dell'Utri. Nel marzo 2013 la Cassazione aveva infatti accolto la richiesta della difesa di Marcello Dell'Utri, che rendeva definitva la sentenza di assoluzione per le accuse successive al 1992 ma stabiliva un nuovo processo per dimostrare l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa "per il periodo in cui il senatore di Forza Italia lasciò Fininvest per andare a lavorare per Filippo Alberto Rapisarda, tra il 1977 e il 1982", come ricorda repubblica.it. Dimostrazione arrivata oggi, nel processo bis di secondo grado, con la Corte che ha accolto la richiesta del pg Luigi Patronaggio che aveva chiesto la conferma della pena di sette anni per Marcello Dell'Utri e riconosce "la responsabilità penale per il periodo che arriva fino al 1992". Alla domanda se la Procura generale chiederà l'arresto di Marcello Dell'Utri, Patronaggio ha risposto che per il momento "questo non è dato sapere". Marcello Dell'Utri commenta la sentenza con toni quasi rassegnati, spiegando: "Speravo in un'assoluzione ma sapevo anche che poteva essere una condanna. Ne prendo atto. Accettiamo il verdetto emesso dai giudici. Leggeremo bene la sentenza". "Il romanzo criminale continua..." aggiunge Dell'Utri, mentre il suo legale, Giuseppe Di Peri, anticipa: "Faremo ricorso in Cassazione, naturalmente. Noi non tendiamo alla prescrizione, ma se dovesse essere acclarata, non ci opporremmo". "Se arrivasse la prescrizione - conclude infatti Dell'Utri - direi come Andreotti, e cioè sempre meglio che niente".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: