le notizie che fanno testo, dal 2010

Omicidio Luca Varani: Marc Prato si è suicidato in carcere

Si è infilato un sacchetto di plastica ed ha respirato il gas della bombola in dotazione ai detenuti. E' così che si è suicidato Marc Prato, a processo per l'atroce omicidio di Luca Varani. Manuel Foffo è già stato condannato a 30 anni.

L'aveva tentato prima dell'arresto, e l'ha compiuto questa notte. Marc Prato, uno dei due assassini di Luca Varani, il giovane torturato ed ucciso il 4 marzo 2016 in un appartamento di via Igino Giordani a Roma, si è infatti suicidato all'una e dieci della scorsa notte nel carcere di Velletri, dove era stato trasferito a marzo da quello romano di Regina Coeli.

Stando alle prime ricostruzioni Marc Prato si sarebbe recato in bagno e lì avrebbe infilato la testa in un sacchetto di plastica, respirando il gas contenuto nella bombola che è in dotazione ai detenuti. Il compagno di cella non si sarebbe accorto di nulla.

Il processo nei confronti di Marco Prato è iniziato ad aprile, poiché il pr romano aveva scelto di essere giudicato con il rito ordinario. Prato infatti continuava a dirsi innocente e a scaricare tutte le responsabilità su Manuel Foffo, che invece è già stato condannato a 30 anni di carcere per l'atroce omicidio di Luca Varani. Solo in carcere, Marc Prato aveva scoperto di essere sieropositivo.

© riproduzione riservata | online: | update: 20/06/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Omicidio Luca Varani: Marc Prato si è suicidato in carcere
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI