le notizie che fanno testo, dal 2010

MIUR: valutazione dirigenti scolastici, firmata direttiva Giannini. Tre i criteri

"Il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Stefania Giannini, ha firmato stamattina la direttiva per la valutazione dei dirigenti scolastici. Tre i criteri in base ai quali saranno valutati i dirigenti", segnala in un comunicato il MIUR.

"Il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Stefania Giannini, ha firmato stamattina la direttiva per la valutazione dei dirigenti scolastici" viene diffuso in una nota del MIUR.
«Dopo 15 anni di incertezze, attese e sperimentazioni, oggi siamo nelle condizioni di realizzare pienamente la valutazione dei dirigenti scolastici. Questo grazie ad un rinnovato quadro normativo, allo stanziamento di specifiche risorse economiche e alla presenza di risorse umane aggiuntive fra gli ispettori. Tutti effetti della legge 107, la Buona Scuola», ha commentato Stefania Giannini, presentando il documento a Viale Trastevere alla presenza dei direttori generali degli Uffici Scolastici Regionali. «Ora - ha proseguito - abbiamo in mano uno strumento in più per ottenere un obiettivo importante: il miglioramento del sistema scolastico».

Tre i criteri in base ai quali saranno valutati i dirigenti: «La capacità di indirizzo e di gestione della scuola peserà per il 60% sulla valutazione complessiva - ha spiegato il ministro -. La capacità di valorizzare le risorse umane, il personale della scuola tutto (docente, amministrativo, tecnico e ausiliario) peserà per il 30%. Il restante 10% si baserà sull'apprezzamento dell'operato del dirigente da parte della comunità scolastica, di coloro che vivono e lavorano nella scuola».

"I criteri sono contenuti nelle Linee Guida che saranno abbinate alla direttiva. Cosa accade ora, in concreto? - si sottolinea inoltre - Ad agosto i dirigenti, oltre 7.000 in tutto il Paese, firmeranno il loro incarico all'interno del quale, per la prima volta, saranno inseriti obiettivi di miglioramento di tre tipi: obiettivi generali individuati dal Ministero, obiettivi legati alle specificità del territorio individuati dagli USR e obiettivi specifici collegati alla scuola che deriveranno dal RAV (il Rapporto di autovalutazione) dell'istituto che il dirigente dovrà guidare."
"Il RAV è il documento che - si diffonde infine -, dallo scorso anno, le scuole hanno cominciato a compilare per darsi un 'voto' sulle cose fatte e fissare le priorità di sviluppo per gli anni successivi. Un apposito nucleo di esperti compilerà la valutazione dei dirigenti. Quattro i 'gradi' di valutazione previsti dalla direttiva: mancato raggiungimento degli obiettivi, buon raggiungimento degli obiettivi, avanzato raggiungimento degli obiettivi, pieno raggiungimento degli obiettivi. L'esito della valutazione sarà utilizzato per la retribuzione di risultato dei dirigenti. Niente più fondi a pioggia, come accade oggi. In caso di mancato raggiungimento degli obiettivi il dirigente potrà essere assegnato, in prima battuta, ad altra scuola. Se la valutazione negativa si ripeterà, sarà messo a disposizione dell'Ufficio Scolastico per svolgere altre mansioni. La valutazione si svolgerà con cadenza annuale a partire dal mese di settembre."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: