le notizie che fanno testo, dal 2010

Su nuovi LEA solo annunci e niente fatti: endometriosi è stata inserita, chiede M5S

Il MoVimento 5 Stelle denuncia che nonostante gli annunci i nuovi Lea non sono stati ancora ufficialmente varati.

"I nuovi Lea non sono stati ancora ufficialmente varati, eppure, il ministro della Salute, da tempo, fa annunci e proclami in merito all'inserimento dell'endometriosi nell'elenco delle patologie croniche e invalidanti relativamente agli Stati III e IV. Il tempo delle dichiarazioni è scaduto da tempo, vogliamo i fatti: vogliamo vedere il tanto proclamato DPCM recante l'aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza e ne chiediamo l'ufficiale approvazione e, come noi, tre milioni di donne italiane che soffrono di questa malattia fortemente invalidante" chiedono in una nota i deputati M5S commentano la risposta del Ministero della Salute, rappresentato dal sottosegretario De Filippo, all'interrogazione a prima firma Marialucia Lorefice.

"A dicembre 2014 il ministro Lorenzin aveva già annunciato l'aggiornamento dei Lea e la loro imminente approvazione. A giugno 2015, rispondendo a una nostra interrogazione, riferiva che l'endometriosi era stata inserita nella proposta di aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza. - ricordano - Il ministro faceva il medesimo annuncio tramite social. Sono trascorsi due anni e siamo ancora fermi a bozze di decreto che circolano sui media, con il governo che continua a parlare di testo del Dpcm pronto, di elenco delle malattie aggiornate, di burocrazia. Questa situazione è inaccettabile e la definiremmo una 'barzelletta' se non fosse che tantissime donne che soffrono quotidianamente attendono una risposta concreta. Alle chiacchiere seguano fatti".

© riproduzione riservata | online: | update: 04/11/2016

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Su nuovi LEA solo annunci e niente fatti: endometriosi è stata inserita, chiede M5S
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI