le notizie che fanno testo, dal 2010

Turchia: arrestati 42 giornalisti. Non possiamo tacere, dice Zanda (PD)

"Dopo la carcerazione di migliaia tra magistrati e professori, i mandati d'arresto nei confronti di 42 giornalisti emanati oggi dalle autorità turche sono l'ultimo segno di violazione di ogni regola democratica e dello Stato di diritto", riporta in un comunicato Luigi Zanda, esponente PD.

"Dopo la carcerazione di migliaia tra magistrati e professori, i mandati d'arresto nei confronti di 42 giornalisti emanati dalle autorità turche sono l'ultimo segno di violazione di ogni regola democratica e dello Stato di diritto" riflette in un comunicato Luigi Zanda, presidente dei senatori del PD, commentando le ultime azioni della Turchia dopo il fallito golpe.
"In nome del legame di forte alleanza che l'Italia ha costruito con la Turchia, non possiamo tacere davanti a queste ripetute e inaccettabili repressioni e intolleranze. - afferma quindi Zanda - Dobbiamo anzi spingere l'Europa tutta a prendere una posizione forte contro questa insopportabile scia di persecuzioni e di violazione dei diritti fondamentali."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: