le notizie che fanno testo, dal 2010

Lindsay Lohan: dai film di mafia alla prigione. Libera su cauzione

Non c'è pace per Lindsay Lohan o forse è Lindsay Lohan a "non trovare pace". Fatto sta che la Lohan finisce di nuovo in carcere ma ne esce subitaneamente, sembra dopo meno 4 ore grazie al pagamento di una cauzione di 75mila dollari.

Lindsay Lohan stava incominciando a tornare ad una vita "normale" per quanto possa essere normale la quotidianità di un'attrice di Hollywood, cioè occuparsi di leggere sceneggiature e fare provini per dei nuovi film. Erano già in vista dei film "di mafia", addirittura si parlava di ben due pellicole, come "Gotti: Three Generations" dove avrebbe recitato con John Travolta, ed un altro film dove si racconta della particolare mafia dei "colletti bianchi", quelli di Wall Street, per intenderci. Ma Lindsay Lohan sembra destinata ad una "vita spericolata" tanto da finire di nuovo in prigione, per aver violato il regime di libertà condizionata impostole dopo l'accusa del furto di una una collana, come vi avevamo scritto un po' di tempo fa ("Lindsay Lohan accusata di furto. Inchiodata da video gioielleria" http://is.gd/p2NtIh). Su Lindsay Lohan pesa una condanna a 120 giorni di carcere e 480 ore di servizi sociali. Gli ultimi aggiornamenti la Lohan sarebbe libera dopo aver pagato una cauzione di 75mila dollari. "Lindsay sta bene" ha detto a People il produttore Nathan Folks, ma "ovviamente è sconvolta per la sentenza".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: