le notizie che fanno testo, dal 2010

Lilli Gruber torna in tv ma solo per annunciare l'arrivo di una Tempesta

Lilli Gruber non è più malata. A settembre un misterioso virus ha colpito la giornalista e così Lilli Gruber a causa della malattia è stata costretta ad assentarsi dal piccolo schermo, affidando la consuzione di Otto e mezzo su La7 Giovanni Floris. Ora Lilli Gruber torna in tv ma solo per annunciare l'arrivo di una Tempesta, quella che uscirà in libreria (con Rizzoli) il 22 ottobre.

Lilli Gruber non è più malata. A settembre un misterioso virus ha colpito la giornalista-conduttrice, e così Lilli Gruber a causa della malattia è stata costretta ad assentarsi dal piccolo schermo, affidando la consuzione di Otto e mezzo su La7 all'allora neo-arrivato Giovanni Floris. A quanto pare, ora Lilli Gruber sta bene ed è pronta a tornare in tv, anche se per il momento solo per annunciare l'arrivo di una Tempesta. Tempesta è infatti il suo nuovo libro che uscirà il 22 ottobre con Rizzoli. "E' il racconto della tempesta che ha travolto la mia famiglia, la mia Heimat e l’Europa intera nella Seconda guerra mondiale, la più devastante nella storia dell’umanità. La protagonista è la mia prozia Hella Rizzolli, la cui vita fu segnata da due dittature: l’una subita, il fascismo, l’altra sciaguratamente scelta, il nazismo. Scrivendo di lei, e di tutti gli altri personaggi, alcuni reali, altri nati dalla mia immaginazione, mi sono confrontata con la consapevolezza che di fronte ai drammi della Storia, per quanto possiamo sentirci impotenti, nessuno è innocente" racconta Lilli Gruber. Come spiega Rizzoli, Tempesta è il nuovo episodio della storia (cominciata con Eredità) della Heimat di Lilli Gruber e della sua famiglia, con la giornalista che riprende le fila della vita di Hella per seguirla attraverso gli anni cruciali della Seconda guerra mondiale: dall’apertura del fronte orientale alla lunga campagna italiana degli Alleati. Con questo romanzo, Lilli Gruber ha voluto usare "gli strumenti della fiction, della suspense e del dramma, per trasmettere una convinzione che nasce dal mio lavoro di giornalista e si è rafforzata in questa prova narrativa: scegliere il Bene dipende solo da ciascuno di noi".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: