le notizie che fanno testo, dal 2010

Tripoli, bombe NATO: 19 morti, 150 feriti. Sono bombe anche italiane?

La guerra in Libia continua, nonostante i ripetuti appelli della Chiesa ad abbandonare la via dei bombardamenti per poter riprendere la strada dei negoziati. Il raid di lunedì notte ha fatto "19 morti civili", ma le bombe NATO continuano ad essere "indistinguibili".

La guerra in Libia continua, nonostante i ripetuti appelli della Chiesa ad abbandonare la via dei bombardamenti per poter riprendere la strada dei negoziati. Come riporta anche l'Ansa, il bombardamento della NATO su Tripoli condotto nella notte tra lunedì 23 maggio e martedì 24 maggio "è stato il più pesante dall'inizio della guerra", perché durato oltre mezz'ora. Secondo le agenzie di stampa, i residenti di Tripoli hanno contato almeno 18 deflagrazioni. Inizialmente si era parlato di 3 morti e 150 feriti. La tv libica Jamahiriya parla invece di "19 morti civili" che "sono diventati martiri e altri 150 sono rimasti feriti nei raid dei crociati della NATO su Tripoli e i suoi sobborghi". Ieri sera ci sono stati nuovi raid, anche perché la Francia ha già annunciato che nei prossimi giorni vi sarà una vera e propria escalation. Ma una domanda rimane appesa ormai da giorni: a chi appartengono le bombe che continuano ad uccidere anche civili? Si parla sempre genericamente di bombe della NATO, e intanto da fine aprile nessun'altra notizia è uscita in merito ai nostri caccia che partecipano al "naturale sviluppo" della risoluzione 1973 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, come amano chiamare la guerra in Libia i politici. Le bombe sganciate non possono essere "indistinguibili" solo perché si è tutti parte di una "alleanza". Quando la NATO, che ha assunto le comunicazioni, fornirà dettagli sulle missioni dei Tornado italiani? E quando qualcuno comincerà a chiedere informazioni in merito?

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# caccia# Chiesa# Francia# guerra# Libia# NATO# Nazioni Unite# politici