le notizie che fanno testo, dal 2010

NYT: Italia pronta a guerra in Libia con USA. Governo Renzi non smentisce

Gli Stati Uniti sarebbero pronti ad iniziare una guerra in Libia con tanto di intervento militare di terra. Secondo il New York Times "la campagna in Libia potrebbe iniziare nel giro di poche settimane", rivelando che questa sarà condotta "con l'aiuto di alcuni alleati europei, tra cui Gran Bretagna, Francia e Italia". Per il momento, il governo Renzi non smentisce.

Gli Stati Uniti sarebbero pronti ad aprire il terzo fronte nella guerra contro lo Stato Islamico, dopo quelli in Siria ed Iraq. Senza alcun dibattito al Congresso, l'amministrazione Obama starebbe infatti valutando l'opportunità di inviare truppe di terra in Libia, il che potrebbe creare i presupposti di un conflitto ben più ampio. Dalla Libia, infatti, la guerra potrebbe estendersi a molti altri Paesi del Nordafrica, quali Algeria, Egitto, Marocco, Sudan, Sudan del Sud e Tunisia, arrivando a toccare anche Iraq, Arabia Saudita, Iran, Turchia, Afghanistan, Pakistan e Siria naturalmente.

Il New York Times riferisce infatti che il genarale Joseph Dunford Jr, a capo del Joint Chiefs of Staff, ha rivelato che chi comanda sta cercando di "adottare una azione militare decisiva" contro l'ISIS in Libia, dove si stima che il gruppo terrorista abbia circa 3.000 combattenti. I funzionari dell'amministrazione Obama anticipano quindi che "la campagna in Libia potrebbe iniziare nel giro di poche settimane", rivelando che questa sarà condotta "con l'aiuto di alcuni alleati europei, tra cui Gran Bretagna, Francia e Italia".

Il governo italiano sta quindi trattando con gli Stati Uniti per portare avanti un intervento militare in Libia, forse addirittura di terra, senza renderne conto al Parlamento? Per il momento, si sa solo che lo Stato Maggiore della Difesa italiana pochi giorni fa ha schierato 4 caccia Amx del 51° Stormo di Istrana (Treviso) presso la base dell'aeronautica militare di Birgi, vicino Trapani. La decisione "è maturata a seguito dei recenti sviluppi nell'area dei paesi del Nord Africa e del conseguente deterioramento delle condizioni di sicurezza" spiegava lo Stato Maggiore, precisando che i caccia non sono in assetto di bombardamento bensì da ricognizione.

Deborah Bergamini, deputata di Forza Italia, sottolinea che per il momento il governo Renzi non ha smentito l'indiscrezione del New York Times invitando quindi l'esecutivo a chiarire, di fronte al Parlamento, se davvero l'Italia sta per preparare una campagna militare in Libia.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: