le notizie che fanno testo, dal 2010

Libia: Tornado italiani bombardano con missili aria-superficie

Ben 6 caccia italiani hanno sorvolato i cieli della Libia ed hanno soppresso le "linee aeree avversarie" mediante "l'impiego di missili aria-superficie AGM-88 HARM". Anche per l'Italia la guerra libica è iniziata.

Ieri sera 6 aerei da guerra italiani, tra gli 8 messi a disposizione dal Ministero della Difesa, sono decollati dall'aeroporto di Trapani Birgi diretti verso la Libia. "La missione si è svolta con l'impiego di quattro Tornado ECR (Electronic Combat Reconnaissance) supportati da due Tornado "Tanker" con funzioni di rifornitore in volo (AAR - Air-to-Air Refuelling)" spiega in una nota lo Stato Maggiore della Difesa, precisando che "i caccia ECR hanno portato a termine la loro missione di soppressione delle difese aeree presenti sul territorio libico che viene condotta mediante l'impiego di missili aria-superficie AGM-88 HARM (High-speed Anti Radiation Missile)". Nessun'altra spiegazione, anche se tale comunicato fa quindi pensare che i nostri caccia abbiano quindi bombardato "le difese aeree presenti sul territorio libico", conducendo la loro prima azione militare in questa nuova "campagna di Libia", come qualcuno in rete la starebbe già chiamando.
I caccia, poi, sarebbero rientrati alla base siciliana intorno alle 22.00 di ieri sera. "L'operazione condotta dai nostri velivoli è stata di soppressione delle linee aeree avversarie. E' stata positivamente condotta e i nostri ragazzi sono tornati a casa" conclude il comandante dello Stormo, Mauro Gabetta.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: