le notizie che fanno testo, dal 2010

Legambiente: al via in Italia raccolta firme contro TTIP

Legambiente annuncia che anche in Italia è iniziata la raccolta di firme europea contro il TTIP, il Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti tra Unione europea e Stati Uniti per l'apertura della più grande area di libero scambio conosciuta, il cui negoziato è di fatto "segreto".

Legambiente lancia la campagna #StopTTIP, il Trattato Transatlantico tra Unione europea e Stati Uniti per l’apertura della più grande area di libero scambio conosciuta. In molti però ritengono che il TTIP comporterà una riduzione delle garanzie e una mancanza di tutela dei diritti dei consumatori, favorendo in maniera eccessiva le multinazionali soprattutto americane. A tutto questo si aggiunge il fatto che il negoziato sul TTIP è di fatto "segreto" poiché "condotto lontano dagli occhi indiscreti dell’opinione pubblica e dei parlamenti e che porterebbe ad una messa in discussione di standard e normative ambientali e sociali, considerate troppo spesso come impedimenti tecnici al libero commercio" come sottolinea Legambiente. L'associazione ambientalista denuncia infatti che con il TTIP sarebbero "sotto attacco non sono soltanto servizi pubblici e beni comuni, a rischio di privatizzazioni e svendite selvagge, ma quegli standard come la sicurezza dei cibi, dell’ambiente, dei luoghi di lavoro, della chimica, gli stessi contratti di lavoro, rispetto ai quali Europa e Stati Uniti hanno idee e pratiche molto diverse, spacciando il tutto come una delle soluzioni più efficaci per uscire dalla crisi permettendo alle imprese europee di fare più affari negli Stati Uniti". Per fare un esempio, prosegue la nota di Legambiente, "se passeranno questi trattati non sarà più possibile per un paese come l’Italia mettere al bando del proprio territorio gli OGM, ma anche il Made in Italy, dell’agroalimentare come del manifatturiero avanzato, non potrà più difendersi dalle falsificazioni". Per queste ragioni, Legambiente annuncia che anche in Italia è iniziata la raccolta di firme europea contro il TTIP dove si invitano "le istituzioni dell’Unione europea e dei suoi stati membri ad interrompere le negoziazioni con gli Stati Uniti sul Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti (Transatlantic Trade and Investment Partnership - TTIP) e a non stipulare l’accordo economico e commerciale globale (Comprehensive Economic and Trade Agreement - CETA) con il Canada".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: