le notizie che fanno testo, dal 2010

Secessionisti veneti, Bitonci: Rocchetta, Faccia, Contin non sono terroristi

Sotto inchiesta dalla Procura di Brescia per far parte de L'Alleanza, un gruppo secessionista accusato di terrorismo ed eversione, anche l'ex deputato Franco Rocchetta e due ex "Serenissimi", Luigi Faccia e di Flavio Contin. Massimo Bitonci, capogruppo della Lega Nord a Palazzo Madama afferma: "Conosco personalmente Rocchetta, Faccia e Contin, persone determinate ma di certo non pericolosi terroristi".

"Invitiamo i veneti e tutti coloro che non sopportano più l'insostenibile vessazione dello Stato centrale, ad esporre la bandiera di San Marco dalle loro abitazioni per far sentire la loro vicinanza ai veneti e ai lombardi ingiustamente incarcerati" dichiara Massimo Bitonci, capogruppo della Lega Nord a Palazzo Madama, commentando il blitz dei carabinieri del Ros contro L'Alleanza, un gruppo secessionista accusato di terrorismo ed eversione, e che secondo la Procura di Brescia era intenzionato ad "invadere" Piazza San Marco a Venezia con un finto carro armato (costruito su un trattore), forse a maggio in prossimità delle elezioni europee. Per Bitonci l'esposizione della bandiera di San Marco sarebbe "una dimostrazione pacifica come è nella natura dei nostri Popoli", aggiungendo in una nota: "Lo Stato può cercare in ogni modo di fermarci ma non ci riuscirà perché la strada verso l'indipendenza ormai è tracciata". Sotto inchiesta dalla Procura di Brescia, oltre che un leader del movimento dei Forconi, anche l'ex deputato Franco Rocchetta, già Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri tra il 1994 e il 1995, e tra i fondatori della Liga Veneta poi confluita nella Lega Nord. Ma anche due ex "Serenissimi", Luigi Faccia e di Flavio Contin, che nella notte tra l'8 e 9 maggio 1997, in occasione del bicentenario della fine della Repubblica di Venezia, "assaltarono" con un "Tanko" Piazza San Marco, a Venezia. "Conosco personalmente Rocchetta, Faccia e Contin, persone determinate ma di certo non pericolosi terroristi" afferma però Massimo Bitonci, che auspica "che si faccia chiarezza e che siano immediatamente scarcerati. - concludendo - Uno Stato che cancella il reato di immigrazione clandestina e approva ben 4 svuota carceri non può coprirsi di ridicolo facendo incarcerare chi, magari con azioni eclatanti ma inoffensive come fu quella dei Serenissimi del 1997, si batte per la libertà del proprio Popolo".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: