le notizie che fanno testo, dal 2010

Rosy Mauro a Porta a Porta: soldi al Sinpa? Anche Bossi lo sapeva

Rosy Mauro interviene a Porta a Porta per far conoscere la sua verità, annunciando che non si dimetterà perché non ha mai preso un euro dalla Lega Nord.

Le indiscrezioni che volevano Rosy Mauro, vicepresidente del Senato nonché segretario generale del Sinpa, il sindacato della Lega Nord, pronta alle dimissioni sono risultate del tutto infondate. Rosi Mauro si difende a Porta a Porta, precisando che fino a questo momento ha visto solamente un "processo mediatico senza precedenti" mentre "la verità in questa vicenda deve ancora emergere". Quel che può anticipare Rosy Mauro a Bruno Vespa è che lei "non ha mai preso un euro dalla Lega Nord", facendo notare che quando nell'inchiesta si parla di "movimenti di denaro" ci si riferisce solo "al sindacato".
Per questo motivo "non mi dimetto", continua Rosy Mauro perché "non ho niente da nascondere", spiegando a Porta a Porta: "Gli estratti conto del sindacato lo dimostrano, non ho mai preso un soldo" chiarendo che i trasferimenti al centro dell'attenzione dei magistrati sarebbero "donazioni che ogni anno il movimento fa al sindacato".
"Il bilancio del Sinpa - precisa Rosi Mauro - dipende dalle varie donazioni che variano di anno in anno. Ed è tutto documentabile". "Il partito era assolutamente informato delle donazioni al sindacato - aggiunge la Mauro - Tutti lo sapevano, anche Bossi, perché non c'era niente di illegale".
La vicepresidente del Senato annuncia quindi che presto interverrà anche a Palazzo Madama e che farà di tutto affinché "la gente la conosca di più", perché finora sarebbero state scritte solo "nefandezze", che hanno colpito anche la sua vita privata.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: