le notizie che fanno testo, dal 2010

Lega Nord: Monti come Fantozzi stesse capacità. Bossi: viene da banche

Per il popolo della Lega Nord Mario Monti ha le "stesse capacità" di Fantozzi, mentre per Umberto Bossi "uno che viene da una grande banca che ha fatto fallire il mondo, le banche non le tocca, tocca la povera gente". Il premier invece rivela "simpatia" per "i passi iniziali della Lega".

A Milano il popolo leghista ha manifestato contro il governo di Mario, al quale Umberto Bossi ha chiesto cortesemente di levarsi "di torno" (anche se con toni molto più coloriti). Al motto di Padania libera e aspettando un intervento di Roberto Maroni che non c'è stato, perché Bossi ha preferito non passargli il microfono, i circa 70mila militanti (secondo stime degli organizzatori) hanno marciato compatti per far capire a "Roma" che ai leghisti i provvedimenti adottati da Mario Monti e dal suo governo non piacciono per niente. Umberto Bossi avvisa quindi Silvio Berlusconi a far "cadere questo governo infame o non riuscirà a tenere in piedi il governo della Lombardia", avvertendo poi il premier: "Stai attento Monti, o ti vengono a prendere a casa...". Per Bossi "ci vuole una tobin tax per mettere sulla retta via le banche", sottolineando però che "uno che viene da una grande banca che ha fatto fallire il mondo (tra il 2005 e il 2011 Mario Monti è stato international advisor per Goldman Sachs, ndr), le banche non le tocca, tocca la povera gente". Ma se per il Senatur Mario Monti sembra avere un piano ben preciso contro "la povera gente", la base pare avere una idea molto più chiara in merito all'abilità tecnica del premier, riassunta forse in quel cartellone dove si vede il volto di Monti accanto a quello di Fantozzi, con sotto l'eloquente scritta: "stesse capacità". E se Roberto Maroni spera che qualcuno a Roma abbia ascoltato la rabbia dei padani, Mario Monti rivela nel corso del programma "In mezz'ora" di Lucia Annunziata che "da lombardo seguivo con interesse e simpatia i passi iniziali della Lega", affermando che in realtà "molte delle cose che stiamo facendo rispondono proprio all'ispirazione originaria della Lega", e cioè "rendere l'Italia meno imbrigliata da eccessi di regolamentazione e dare respiro alla concorrenza a favore delle piccole e medie imprese".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: