le notizie che fanno testo, dal 2010

Lega Nord, Fedriga: inaccettabili insulti della Boldrini all'Ungheria

"È inaccettabile che la terza carica dello Stato offenda in maniera così spudorata altri paesi dell'UE come l'Ungheria. Siamo di fronte a un grave sgarbo istituzionale di cui il presidente della Camera si dovrà assumere tutta la responsabilità", spiega in una nota il capogruppo alla Camera della Lega Massimiliano Fedriga.

inaccettabile che la terza carica dello Stato offenda in maniera così spudorata altri paesi dell'UE come l'Ungheria" dichiara in una nota Massimiliano Fedriga, esponente della Lega Nord, commentando le dichiarazioni di Laura Boldrini che ha giudicato" penoso" il muro eretto per contrastare il flusso migratorio.
"Siamo di fronte a un grave sgarbo istituzionale di cui il presidente della Camera si dovrà assumere tutta la responsabilità. - sostiene il deputato del Carroccio - A questo punto ci domandiamo se per la Boldrini, oltre all'Ungheria, sono penosi anche la Croazia, la Slovenia, l'Austria e tutti gli altri paesi non allineati alla sua ideologia comunista". Fedriga aggiunge: "L'unica pena che proviamo noi è verso l'attuale presidenza della Camera, carica che dovrebbe essere super partes e che invece viene umiliata giornalmente e utilizzata dalla Boldrini per esternare ideologie personali che nulla hanno a che fare con il ruolo che ricopre. - concludendo - Invece di occuparsi degli italiani in difficoltà, l'unico obiettivo del presidente della Camera è di far approvare lo ius soli a colpi di mano e attaccare in modo scomposto e offensivo altri paesi europei. Se non se la sente di rivestire il ruolo di terza carica dello Stato, la Boldrini faccia un passo indietro e lasci che le istituzioni democratiche tornino libere".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: