le notizie che fanno testo, dal 2010

Lega Nord, Caparini: Boldrini stoppa soppressione vitalizi parlamentari ed equiparazione trattamento Fornero

"La presidente della Camera Laura Boldrini non ha permesso la discussione e il voto sulla soppressione dei vitalizi. Se il buongiorno si vede dal mattino, questa è una pessima giornata", così in una nota Davide Caparini dal Carroccio dopo che la Presidente della Camera ha annunciato lo stop all'ordine del giorno 105 per la soppressione totale dei vitalizi parlamentari "anche in corso di erogazione" e l'equiparazione del "trattamento Fornero" anche nei confronti di deputati e senatori, oggi dispensati.

"La presidente della Camera Laura Boldrini non ha permesso la discussione e il voto sulla soppressione dei vitalizi. Se il buongiorno si vede dal mattino, questa è una pessima giornata" afferma Davide Caparini, dopo che la Presidente della Camera ha annunciato lo stop all'ordine del giorno 105 per la soppressione totale dei vitalizi parlamentari "anche in corso di erogazione" e l'equiparazione del "trattamento Fornero" anche nei confronti di deputati e senatori, oggi dispensati.
Caparini, deputato della Lega Nord e primo firmatario dell'Odg, sottolinea che Boldrini ha giustificato tale decisione spiegando che "è in contrasto con i principi di retroattività della norma e del legittimo affidamento". "Ci sono 130mila motivi per accettare il nostro odg, che sono le 130mila persone che questo parlamento ha esodato, non riconoscendo loro un diritto acquisito. - fa notare però l'esponente del Carroccio - Se per queste 130mila persone valeva il principio che le regole, in corsa, si cambiano, non capisco perché non debba valere per noi. Abbiamo chiesto di applicare anche ai deputati la legge Fornero, che questa maggioranza ha voluto e votato: che sia tale, quindi, anche per i parlamentari. Stupisce e indigna il 'niet' totale opposto dall'ufficio di presidenza, che non ha nemmeno aperto a una riformulazione".
Caparini quindi evidenzia: "E' chiaro che in questo parlamento manca la volontà politica di cancellare odiose sacche di privilegi. La Camera ha reso oggi un pessimo servizio alla democrazia. Frenando per l'ennesima volta sull'abolizione dei vitalizi ha sancito che nel Paese debbano continuare a esistere i privilegiati di Stato, eletti che - fino al 2011 - con un solo giorno da parlamentare si sono assicurati una lauta vecchiaia, cosa scandalosa".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: