le notizie che fanno testo, dal 2010

Lotito difende Reja: alcuni hanno costruito "fantasma mediatico"

Il presidente della Lazio, intervistato di fronte alla Lega Calcio, è furioso con alcuni media che, secondo lui, non hanno fatto altro che "fomentare" l'ambiente biancoceleste: "La serenità nell'ambiente c'è sempre stata, nella squadra e nella società, non c'era fuori, da parte vostra".

Reja ha ammesso che la "cornice marcia" di cui parlava erano i media. Punto. Il presidente Claudio Lotito non si ferma e li attacca duramente, accusandoli di aver "provocato" il clima di tensione che avrebbe portato il tecnico della sua Lazio Edy Reja a chiedere le dimissioni (fatto smentito da Lotito stesso). Lotito sostiene che la serenità a Formello non è mai mancata, ma che è stata solo un'invenzione di alcuni giornalisti. "La vittoria di Cesena - ha iniziato il presidente laziale di fronte all'entata della Lega calcio - è stata bella e meritata. Ha riportato serenità? No, la serenità nell'ambiente c'è sempre stata, nella squadra e nella società, non c'era fuori, da parte vostra". Un chiaro attacco a qualche giornalista, reo di aver portato del nervosismo gratuito verso la biancoceleste. "Avete avuto poca serenità nei giudizi e avete costruito un 'fantasma mediatico' - ha continuato Claudio Lotito - sostenendo che non sapeva gestire i giocatori e che avevo già contattato altri tecnici". Lotito continua nell'affondo e afferma: "Il disagio dell'allenatore esiste per colpa vostra e certe strategie mediatiche, che mi erano già state anticipate 10 giorni fa da una persona, instillano il dubbio nei tifosi - e attaccando - Voi dovete avere più deontologia, dovete fare informazione nel modo corretto. Le persone che hanno scritto certo obbrobi devono risponderne e smentire quello che hanno scritto. C'è mancanza di senso di responsabilità in chi fa informazione". Il presidente è scatenato, tanto da definire l'ex idolo dei tifosi laziali Mauro Zarate "uno come gli altri". "Ha chiesto di fare un'altra esperienza - ha precisato il patron biancoceleste - e la società lo ha accontentato. E' stato lui a volersene andare". Ma questa ulteriore provocazione, invece di chiudere il discorso, porta a un altro duro attacco ai giornalisti, colpevoli di aver "maltrattato" l'operato di Edy Reja: "La cornice marcia della quale ha parlato Reja sono tante persone, tra le quali alcune di voi, quelli che hanno creato un ambiente non buono per la Lazio - spiegando - Reja ha preso la squadra in una situazione difficile, l'ha salvata e poi l'ha portata al quarto posto, in Champions, competizione sfumata per la differenza reti. Ha un ottimo rapporto con la squadra, la società e il sottoscritto". In chiusura Lotito sottolinea ancora come sia stato "creato un castello sul niente e questa è una cosa grave - promettendo - Ora la Lazio si rivarrà nei confronti di chi ha scritto certe cose: siamo una società quotata in Borsa e abbiamo perso il 12%". Per ascoltare l'intervista a Claudio Lotito, su Youtube (http://is.gd/OEGUUe).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: