le notizie che fanno testo, dal 2010

Catania in piazza per Laura Salafia

Una ragazza di Catania, Laura Salafia, è stata colpita da un colpo d'arma da fuoco mentre era in corso probabilmente un regolamento di conti tra clan. Grave anche se le condizioni vitali sono stabili. La città scende in piazza.

A Catania nella centralissima Piazza Dante, vicino all'ex monastero dei benedettini, che ora è sede di due facoltà, e a una caserma dei carabinieri pare si sia svolto un ennesimo agguato di mafia, questa volta ai danni di un pregiudicato del clan Zuccaro che è stato oggetto di spari d'arma da fuoco. Ma la notizia non è questa, o almeno non è solo questa. I probabili sicari che volevano freddare il collega della malavita (40enne presunto affiliato al clan Zuccaro) hanno colpito "accidentalmente" anche una ragazza che faceva invece parte della "società civile", una ragazza che ha 34 anni, che aveva appena preso un 30 all'esame di spagnolo ed era felice. Questa ragazza, che si chiama Laura Salafia, ora lotta tra la vita e la morte.
La studentessa è stata portata d'urgenza all'ospedale Cannizzaro, dove i medici hanno parlato di un "trauma midollare con ritenzione del proiettile".
Nell'ultimo bollettino medico (ieri pomeriggio) si apprende che le "condizioni cardiache e respiratorie sono normali, e le condizioni vitali sono stabili". Tutta Catania ha mostrato solidarietà verso questa tragedia anche con una fiaccolata organizzata dagli studenti che si è svolta ieri sera per le vie del centro.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: