le notizie che fanno testo, dal 2010

Grandi Navi: da Università Venezia via sostenibile per attracco, informa Puppato (PD)

"L'Università Iuav di Venezia ha presentato, in audizione in Commissione Ambiente, una soluzione sostenibile e per questo interessante per l'attracco delle Grandi Navi in Laguna che merita di essere valutata seriamente da tutte le istituzioni interessate", fa sapere in una nota Laura Puppato del Partito Democratico.

"L'Università Iuav di Venezia ha presentato - riferisce in un comunicato la senatrice democratica Laura Puppato -, in audizione in Commissione Ambiente, una soluzione sostenibile e per questo interessante per l'attracco delle Grandi Navi in Laguna che merita di essere valutata seriamente da tutte le istituzioni interessate."

"I professori Di Tella, Giacomini e Boato hanno ideato da circa un anno un progetto estremamente innovativo e capace di rispondere a tutti i requisiti previsti dalla legge speciale per Venezia e dall'ordine del giorno approvato all'unanimità al Senato perché risolve l'attracco delle Grandi Navi senza l'attraversamento della laguna, con un intervento graduale e reversibile. Si tratta di realizzare un avamposto galleggiante con attracco all'isola del Mose, senza ulteriori piloni in cemento con gravi effetti di abbassamento della laguna dimostrati anche dal CNR, in grado di far attraccare le grandi navi in sicurezza, ma senza ulteriori scavi del prezioso substrato in caranto, vitale per Venezia" anticipa la parlamentare.

"E' una struttura in acciaio, rigida in senso verticale ma flessibile in senso orizzontale, con un ancoraggio privo di rischi verificato anche per condizioni meteo proibitive. Per quest'opera mobile non sarebbe necessaria neppure la Valutazione dell'Impatto ambientale. - chiarice - La Commissione Ambiente ha ascoltato con interesse, ravvisando che le due ipotesi in campo che escludono nuovi pericolosi scavi debbano trovare verifica e ascolto sia al Ministero, sia presso le autorità locali. Ogni altra ipotesi deve essere spazzata via, per promuovere la soluzione di un problema enorme per il quale la Laguna rischia di perdere il marchio dell'Unesco. Venezia deve promuovere soluzioni sostenibili e questa lo è" evidenzia infine l'esponente del PD.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: