le notizie che fanno testo, dal 2010

Strage Nizza: contro terrorismo repressione militare e cultura, dice Garavini

"Di fronte al ripetersi di attacchi terroristici sempre più frequenti, sempre più brutali, e sempre più tragicamente vicini, non possiamo lasciarci intimorire e non possiamo farci immobilizzare dalla paura. Come Stato siamo tenuti a garantire la massima allerta e a contrastare il terrorismo sul terreno militare", scrive in un comunicato Laura Garavini, deputata del PD.

"Nel giorno del rientro delle salme dei connazionali uccisi a Nizza, rinnovo il mio più profondo cordoglio e solidarietà ai famigliari delle vittime e a tutti coloro che si trovavano giovedì scorso 'sur la promenade des Anglais' e hanno vissuto da vicino i tragici momenti dell'attentato. Il pensiero va anche al popolo francese, offeso per l'ennesima volta e profondamente ferito nel proprio orgoglio nazionale, in un giorno simbolico per la Francia: la festa nazionale del 14 luglio. Di fronte al ripetersi di attacchi terroristici sempre più frequenti, sempre più brutali, e sempre più tragicamente vicini, non possiamo lasciarci intimorire e non possiamo farci immobilizzare dalla paura" afferma in una nota Laura Garavini, deputata del PD. In realtà, oggi l'Europol ha chiarito che "sebbene lo Stato Islamico abbia rivendicato gli attacchi di Orlando, Magnanville, Nizza e Wúrzburg, nessuno dei quattro sembra essere stato pianificato, logisticamente sostenuto o eseguito direttamente dall'ISIS".
Per la parlamentare però "come Stato siamo tenuti a garantire la massima allerta e a contrastare il terrorismo sul terreno militare. - prosegue - Dobbiamo investire in sicurezza, in intelligence ma dobbiamo anche investire, contemporaneamente, in un progetto culturale per conquistare le menti e i cuori dei troppi giovani accecati dal fanatismo islamista".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: