le notizie che fanno testo, dal 2010

PD, Fasiolo: Giornata per ricordo vittime coinvolga anche la scuola

"Unione dovrebbe significare negazione dell'esclusione e della divisione. Oggi invece in Europa avanzano spinte nazionalistiche, rigurgiti xenofobi e pulsioni incivili, alimentate da demagogia e populismo", sottolinea sapere in un comunicato Laura Fasiolo, esponente del Partito Democratico.

"Unione dovrebbe significare negazione dell'esclusione e della divisione. Oggi invece in Europa avanzano spinte nazionalistiche, rigurgiti xenofobi e pulsioni incivili, alimentate da demagogia e populismo. Non è un caso se oggi noi ci ritroviamo qui nell'Aula del Senato a istituire la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione. Una giornata che, come quella della memoria, o del ricordo deve coinvolgere il mondo della scuola" rende noto Laura Fasiolo, senatrice del PD.
"Tutti gli studenti - continua la parlamentare -, dal mondo dell'infanzia a quello dell'adolescenza, devono infatti comprendere il valore dell'uomo e della donna che sta dietro alla figura del migrante, la sofferenza che si nasconde dietro a un clandestino e che lo spinge a sfidare il mare, e in molti casi la morte, per la speranza di un futuro migliore. La fuga dalla guerra e dalla morte per cercare la vita e la pace è un desiderio più che legittimo. L'Italia ha fatto e sta facendo la sua parte, in prima linea, sia per identificare i migranti e gestirne il flusso, sia per accelerare le procedure per il ricollocamento senza discriminazioni sulla base della nazionalità. Ma non possiamo pensare di risolvere problemi che appartengono a tutti e 28 i Paesi d'Europa. Ecco perché, lo stop a Schengen, così come la chiusura delle frontiere da parte dell'Austria, è l'ennesima e incredibile vergogna davanti alla sofferenza dei popoli."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: