le notizie che fanno testo, dal 2010

Boldrini: Camera ratifica Convenzione Istanbul durante funerali Fabiana Luzzi

Mentre a Corigliano Calabro in migliaia celebrano i funerali di Fabiana Luzzi, la ragazza di 16 anni bruciata viva dal fidanzato di 17 anni, la Camera dei deputati ratificava la Convenzione di Istanbul. Laura Boldrini sottolinea come "la sfida alla quale siamo chiamati sia culturale".

"Prima di procedere alla ratifica della Convenzione di Istanbul, vorrei che il pensiero di quest'assemblea andasse a Fabiana Luzzi, bruciata viva per gelosia a 16 anni da un ragazzo di 17, il suo fidanzato. Ancora una volta la violenza travestita da amore. Un orrore al quale non possiamo assuefarci e che dimostra come la sfida alla quale siamo chiamati sia culturale" spiegava ieri davanti alla Camera dei deputati la Presidente Laura Boldrini, chiedendo all'Aula un minuto di silenzio per la giovane vittima di Corigliano Calabro e "per tutte coloro che sono state uccise come lei".

Nei suoi principi introduttivi la Convenzione di Istanbul ricorda che 'l'uguaglianza di genere de jure e de facto è un elemento chiave per prevenire la violenza contro le donne', sottolineava Laura Boldrini, chiarendo quindi come "nessuna violenza può essere debellata fino a quando il rapporto uomo-donna non si libererà di concetti come subalternità e possesso". La Boldrini precisava inoltre che la "Convenzione di Istanbul dice anche di più" e cioè che "per la prima volta la violenza contro le donne viene incardinata nell'ambito della violazione dei diritti umani. Ovvero dei diritti fondamentali della persona".

E la Camera dei deputati ha approvato oggi la ratifica della Convenzione di Istanbul, "un primo passo contro la violenza sulle donne espresso con voto unanime, 545 sì su altrettanti deputati presenti" come sottolinea Laura Boldrini. "Un segnale di sensibilità dell'istituzione, tanto più importante perché arriva nelle ore in cui, in Calabria, viene dato l'addio all'ennesima vittima della ferocia maschile, Fabiana, la giovanissima donna che in questi due giorni di interventi molti deputati e deputate hanno voluto onorare" prosegue Laura Boldrini.

Erano in migliaia oggi ai funerali di Fabiana Luzzi, e tra questi c'era anche il ministro per le Pari opportunità Josefa Idem che ha spiegato: "Voglio essere vicina alla famiglia per testimoniare il dolore di tutti gli italiani e le italiane per questa perdita così tragica e assurda. Sento di dover chiedere perdono a Fabiana e a tutte le donne, uccise per mano di chi abusa della parola 'amore'. Lo Stato - ha aggiunto - deve rendere più effettivo il suo impegno, essere ancora più vicino alle vittime". Il fidanzato 17enne di Fabiana Luzzi, che pare aver confermato di aver ucciso la ragazza perché aveva rifiutato di avere con lui dei rapporti sessuali, è accusato di omicidio volontario aggravato, visto che avrebbe prima accoltellato ed in seguito bruciato quando era ancora in vita la 16enne, come da sua confessione. Il ragazzo è attualmente detenuto in un Istituto penale minorile.

Ora il testo della Convenzione di Istanbul passa al Senato, dove Laura Boldrini spera che possa "contare su un'eguale attenzione", aggiungendo: "Si tratterà poi di varare la legge di attuazione della Convenzione, che abbia la copertura finanziaria necessaria per permettere la realizzazione dei concreti interventi di sostegno. Sono certa che il nostro Parlamento saprà continuare sulla strada oggi intrapresa. Così come spero che l'Italia possa assumere a livello internazionale un ruolo di traino verso quei Paesi - dell'Unione Europea o esterni ad essa - che non hanno ancora sottoscritto la Convenzione".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: