le notizie che fanno testo, dal 2010

Finta terremotata dell'Aquila a Forum: ho solo recitato una parte

Una signora interpreta a Forum, condotto da Rita Dalla Chiesa, un terremotata dell'Aquila che in trasmissione ringrazia "il presidente e il governo perché non ci hanno fatto mancare niente" ma si scatena la bufera, e si scopre che ha "solo recitato una parte". E chiede scusa.

Mediaset, in una nota ufficiale, chiudeva così le polemiche sorte dopo una puntata di Forum, condotto da Rita Dalla Chiesa, dove un signora che si è presentata come una terremotata dell'Aquila si era lasciata ad andare a dichiarazioni che avevano offeso chi quel dramma l'ha vissuto in prima persona, e lo continua a vivere a causa dei ritardi nella ricostruzione: "La puntata di 'Forum' al centro delle accuse di alcuni politici, ha avuto l'unico 'torto' di lasciare esprimere in diretta una signora abruzzese che, al di là della vicenda personale che la riguardava, ha espresso valutazioni soggettive sul dopo terremoto. Ma ogni giorno i protagonisti di 'Forum' esprimono liberamente opinioni in diretta e la produzione è attenta a intervenire, nei limiti del possibile, per evitare dichiarazioni discutibili o estranee al programma. Arrivare a ipotizzare che le affermazioni spontanee della signora abruzzese siano frutto di un piano architettato a tavolino è un chiaro attacco strumentale che Mediaset respinge".
La signora in questione, invece, in una intervista audio di Claudio Lattanzio al Centro (http://is.gd/Eia6dk), quotidiano abruzzese, ci tiene a "chiedere scusa a tutti gli aquilani per aver detto quelle frasi a Forum". La signora, infatti, spiega: "Io non pensavo di creare tutte queste offese, tutte queste persone che si sono offese, io ho solo recitato una parte. Io la situazione dell'Aquila la so, io sono andata a fare 'una causa' con un'altra persona che diciamo neanche conoscevo. Ma quello che ho detto assolutamente non l'ho pensato. Non ho pensato neanche che si poteva creare questa situazione. Sono veramente dispiaciuta e chiedo scusa scusa scusa a tutti gli aquilani e a tutti gli abruzzesi - aggiungendo - Che solo per mettere la causa un po' più vera ci ho messo io qualcosa in più".
Le frasi pronunciate dalla signora (che non è nemmeno dell'Aquila ma di Popoli, in provincia di Pescara) che hanno suscitato la reazione dei veri terremotati sarebbero state, come riporta anche Repubblica (http://is.gd/MgPyzB): "L'Aquila è ricostruita"; "Hanno riaperto tutti l'attività. I giovani stanno tornando"; "Vorrei ringraziare il presidente e il governo perché non ci hanno fatto mancare niente... Tutti hanno le case con i giardini e con i garage, tutti lavorano, le attività stanno riaprendo" e ancora "Sono rimasti 300-400 che sono ancora negli hotel e gli fa comodo...Stanno lì a spese dello Stato: mangiano, bevono e non pagano, pure io ci vorrei andare".
Dopo la puntata di Forum l'assessore alla Cultura dell'Aquila, Stefania Pezzopane, ha scritto una lettera a Rita Dalla Chiesa dove sottolineava che "nella sua trasmissione, persone che, mi risulta, non hanno nulla a che vedere con L'Aquila, hanno fatto un quadro distorto e assolutamente non veritiero".
Ma dalle pagine del Corriere Rita Dalla Chiesa replica: "No, io non ci sto, sono sempre stata equidistante. Ho fatto puntate intere sugli aiuti, ho persino mandato i peluche ai bambini. Vergogna a me? No, io non l'accetto" spiegando che sulla vera identità della signora "alzo le mani, non posso chiedere a tutti la carta di identità".
Ma in tanti, soprattutto in rete, sottolineano che sarebbe ancora da chiarire il perché sia stata comunque "sceneggiata" una parte simile, con una persona che, a parte le frasi fuori luogo, interpretava il ruolo di una "(finta) terremotata aquilana". Anche solo questo, infatti, avrebbe potuto ferire la sensibilità di chi vive ancora i postumi di un terremoto che ancora continua a scuotere le coscienze.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: