le notizie che fanno testo, dal 2010

Kenya, CNN: in commando stranieri da USA, Canada, Finlandia e Regno Unito

L'assedio nel centro commerciale di Nairobi, in Kenya, continua. Stando alle ultime informazioni, sarebbero almeno 68 le persone uccise all'interno del Westgate da parte del commando islamista di Al-Shabaab, gruppo islamico legato ad Al-Qaida. Secondo la CNN, nel gruppo di terroristi ci sarebbero però anche degli stranieri, tra cui tre aggressori provenienti dagli USA, uno dal Canada, uno dalla Finlandia, e uno dal Regno Unito. L' FBI sta indagando per verificare l'esattezza di tale informazione.

Continua il terrore in Kenya. Come riferice la BBC News, almeno 68 persone sono già state uccise e 175 sono state ferite dal commando islamista che sabato è entrato nel Westgate, il lussuoso centro commerciale di Nairobi di proprietà di un uomo d'affari israeliano. Il commando sarebbe formato da un gruppo di militanti di Al-Shabaab, gruppo islamico legato ad Al-Qaida, che aveva già minacciato il Kenya per aver inviato truppe militari nella martoriata Somalia. La conferma sarebbe arrivata via Twitter, quando verso le ore 18:00 (GMT) di sabato da un account di Al-Shabaab, poi immediatamente chiuso, è apparso il messaggio: "Mujahideen (combattenti, ndr) sono entrati oggi nel #Westgate Mall verso mezzogiorno e sono ancora all'interno del centro commerciale, la lotta contro i #Kenya Kuffar (infedeli, ndr) è all'interno del loro stesso territorio".

Se per fortuna molte persone sono riuscite a fuggire o a nascondersi quando hanno sentito i primi spari, tanti altri rimangono ancora in ostaggio dei terroristi islamici, che si stima siano entrati nel centro commerciale in 16 (tra cui alcune donne) anche se una persona sarebbe poi stata uccisa dalla forze di polizia entrate nel Westgate. Alcuni testimoni oculati hanno riferito a varie agenzie di stampa che gli aggressori avrebbero ordinato a tutti i musulmani di lasciare il centro commerciale. Alle 23:00 (ora locale) di sabato, il presidente del Kenya Uhuru Kenyatta si è rivolto alla nazione, esortando i keniani a mantenere la calma e assicurando: "Abbiamo superato attacchi terroristici nel passato. Li sconfiggeremo di nuovo". A rimanere ucciso dal commando islamista anche un nipote di Uhuru Kenyatta. Secondo fonti della Reuters, i procedimenti in corso presso la Corte penale internazionale dell'Aia contro il vice presidente del Kenya sono stati sospesi per una settimana a causa di quanto sta accadendo a Nairobi.

Ancora questa notte, all'interno del centro commerciale si sono sentite raffiche di mitra e due esplosioni, ma la situazione all'interno del centro commerciale non è ancora chiara, anche perché non è stato possibile quantificare il numero di ostaggi (ne rimarrebbero in mano agli aggressori almeno 10). Stando ai rapporti delle forze di polizia e della Croce Rossa, sembra che tra le vittime dei militanti di Al-Shabaab ci sarebbero anche tre cittadini britannici, madre e figlia francesi e due diplomatici, uno del Canada e il noto potea Kofi Awoonor del Ghana. Altre vittime sembra che siano originarie della Cina e dei Paesi Bassi, mentre 5 americani sono stati feriti. Consulenti israeliani stanno aiutando le forze del Kenya per sviluppare una strategia atta a porre fine all'assedio, poiché il tentativo da parte dei militari israeliani di entrare nell'edificio per liberare gli ostaggi è fallito. Sheikh Ali Mohamud Rage, un portavoce di Al-Shabaab, ha avvertito che "se gli israeliani e le forze kenyote avrebbero cercato di entrare nel Westgate con la forza, i mujaheddin avrebbero ucciso gli ostaggi".

A far riflettere, il fatto che la CNN abbia da poco rivelato di aver ottenuto la lista di 9 attentatori, scoprendo che tra questi ci sarebbero anche alcuni stranieri. Oltre a due persone della Somalia e uno del Kenya, ci sarebbero infatti nel commando di Al-Shabaab tre aggressori provenienti dagli USA, uno dal Canada, uno dalla Finlandia, e uno dal Regno Unito. L' FBI sta indagando per verificare l'esattezza di tale informazione.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: