le notizie che fanno testo, dal 2010

Marchisio stende il Milan e lancia una Juventus da scudetto

Finisce 2 a 0 il "derby d'Italia" tra Juventus e Milan. Allo Juventus Stadium i bianconeri trovano i gol negli ultimi minuti con Marchisio, a coronamento di una partita giocata con grinta che ha dominato i rossoneri campioni d'Italia.

Claudio Marchisio porta la Juventus in testa. La sua gioia dopo i due gol all'87' e al 93' sono lo specchio delle emozioni bianconere allo Juventus Stadium dopo la partita che ha steso il Milan campione d'Italia. Con questa vittoria la squadra di Antonio Conte raggiunge in cima alla classifica l'Udinese a quota 11, superando di slancio la Roma e il Napoli. I rossoneri rimangono invece a cinque punti, meglio dei cugini dell'Inter di un punto, ma comunque nel lato destro della classifica. La Juve ha giocato con grinta e ha sottomesso la squadra di Massimiliano Allegri, vincendo con merito una partita che si è decisa solo nei minuti finali. Conte schiera un'unica punta, Vucinic, con Krasic e Pepe ad agire da esterni. Nel Milan Allegri può contare sul ritorno di Boateng che viene affiancato a Ibrahimovic e Cassano per formare il tridente. Si inizia subito a ritmi alti con Pirlo che prova un paio di volte a sorprendere Abbiati senza successo, a differenza di Vucinic che riesce più volte a mettere i brividi al portiere milanista. Al 37' è lui a colpire la traversa con un colpo sotto da fuori area che viene toccato appena da Abbiati, ma abbastanza per non farlo terminare in rete. Un colpo da biliardo quello del montenegrino, forse insegnatogli da Totti durante gli anni in cui lo aveva come compagno nella Roma. Anche nella ripresa i bianconeri partono con ritmi altissimi, tanto da andare vicinissimi al vantaggio con Bonucci. La controffensiva del Milan è affidata a Cassano che serve Boateng che incrocia al volo verso la porta bianconera ed esalta i riflessi di Buffon. A parte questo episodio la Juve continua ad essere padrona del gioco ma bisogna attendere i minuti finali per vedere il primo gol. Claudio Marchisio che dal limite dell'area scarica un destro addosso alla disperata scivolata di Bonera ottenendo un rimpallo che diventa vincente e si insacca alle spalle di Abbiati. Le urla dello stadio sono assordanti ma c'è ancora tempo per vedere un'espulsione di Boateng e il secondo gol bianconero. E' sempre Marchisio che stavolta chiude un contropiede juventino con una conclusione al volo che passa sotto le gambe di Abbiati. Il 2 a 0 finale inflitto ai campioni d'Italia lascia intendere a tutte le concorrenti al titolo che la Juve c'è.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: