le notizie che fanno testo, dal 2010

Justin Bieber e Selena Gomez: giocano a "Brangelina 2.0" con 6 bambini

Justin Bieber continua la sua carriera di aidoru che piace alle masse planetarie senza mai scontentare nessun fan. Per questo incomincia a concentrarsi sui "fondamentali" come ad esempio il sogno di una "famiglia futura" con la sua fidanzatina Selena. Padre entro i 25 anni, assicura Bieber.

Justin Bieber torna a far parlare di sé i giornali e i blog non interamente dedicati alle sue gesta, per un'istantanea (si fa per dire), pubblicata su Instagram, la celebre app (con filtri vintage) per iPhone. Bieber ha un sito dedicato ai suoi "instagram" privati, che si chiama "instabieber.com" dove si diletta a postare le sue immagini, come sempre con toni e tinte adatte a non deludere milioni di fan sparsi in tutto il mondo. Essere un aidoru "globale totale" (come nella guerra di War Games e in omaggio all'omonimo romanzo di William Gibson) è difatti un lavoro molto difficile, anche perché, dal punto di vista mediatico, Bieber potrebbe cadere in quell'adagio inglese che recita "one man's meat is another man's poison". Come cercare allora di non scontentare nessuno? Come fare per piacere per forza e "sempre" dalla dolce Mahasweta in India così come a Selma che vive e piange per Bieber in Svezia? Ovviamente cercando il trait d'union antropologico che accomuna ogni cultura nel mondo, come ad esempio la "famiglia". E Justin Bieber, che ha sempre voglia e desidera "tutto ciò che ogni adolescente globalmente desidera e vuole alla sua stessa età" (come se il cantante canadese fosse un "minimo comune denominatore" planetario) immortala il suo "sogno adolescenziale" con l'amata Selena Gomez (collega aidoru). Bieber quindi si fa fotografare (o forse "fotoritoccare") con ben sei bambini insieme a Selena per ribadire la sua voglia di famiglia. La didascalia non poteva che essere più emblematica "Brangelina 2.0 hahahahahaha" (http://is.gd/QeBVi5). E così Bieber dichiara a Women's Wear Daily di volersi sposare e diventare padre a 25 anni, perché vuole essere un "padre giovane" cosa che, economicamente, può certamente permettersi. Per gli altri, data la crisi economica (anche questa globale) essere un "padre giovane" rimarrà invece solo un sogno.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: