le notizie che fanno testo, dal 2010

Justin Bieber "censura" la croce per vendere album in Medio Oriente?

L'ultimo album di Justin Bieber, "Purpose", è stato vietato in alcuni Paesi del Medio Oriente perché nella copoertina il cantante mostra una croce. Ma il suo staff starebbe infatti già pensando di modificare la copertina dell'album per permettere la vendita anche nei Paesi musulmani: "censurando" la croce?

L'ultimo album di Justin Bieber, "Purpose", è stato vietato in alcuni Paesi del Medio Oriente. A far scalpore non i testi delle canzoni di Justin Bieber ma la copertina dell'album considerata non tanto troppo "sexy" (il cantante è a torso nudo) quanto troppo "provocatoria". A disturbare sarebbe in particolare la croce che Justin Bieber ha tatuata sul petto. Secondo il sito di gossip TMZ i Paesi a maggioranza musulmana non avrebbero gradito questa esternazione di fede, cristiana ovviamente. Justin Bieber non sembra però intenzionato a portare questa croce, che gli farebbe perdere una buona fetta di mercato. Il suo staff starebbe infatti già pensando di modificare la copertina dell'album per permettere la vendita anche nei Paesi musulmani, e dalla "censura" dell'album si potrebbe quindi arrivare alla "censura" della croce, magari con Photoshop.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: