le notizie che fanno testo, dal 2010

Barroso: elezioni del dopo Monti? La crisi non ha soluzioni magiche

Il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso commenta la imminente caduta del governo Monti, sottolineando che "le prossime elezioni non devono diventare un pretesto per mettere in dubbio l'indispensabilità" delle riforme pensate dal tecnico.

Il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso, commentando la imminente caduta del governo Monti , ha tenuto a sottolineare che al di là degli sviluppi politici italiani, "non vi è alternativa alla correzione della finanza pubblica e all'adozione di riforme che migliorino la competitività del Paese". Nel corso di una intervista al Sole 24 Ore, infatti, Barroso, pur premettendo che non vuole "immischarsi nella politica interna italiana", consiglia gli italiani a "non cadere nell'illusione che vi siano soluzioni rapide o magiche" per uscire dalla crisi economica perché "le prospettive dell'Italia restano negative". Se in questi mesi l'Italia non è caduta nel baratro, lascia quindi intendere Barroso, lo si deve solo a Mario Monti, le cui "scelte di governo" hanno fatto "accrescere la fiducia degli investitori internazionali". José Manuel Barroso, tanto per non "immischiarsi", chiarisce quindi che "le prossime elezioni non devono diventare un pretesto per mettere in dubbio l'indispensabilità" delle misure varate dal governo Monti, o che era in procinto di approvare, e questo perché "la calma relativa dei mercati non significa che siamo fuori dalla crisi". Barroso esorta quindi "i governi a non abbandonare il loro impegno alle riforme economiche e al risanamento di bilancio" e di "evitare di cadere nell'errore dell'auto-compiacimento".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: