le notizie che fanno testo, dal 2010

Juncker: se Italia e Francia non attuano riforme a marzo conseguenze spiacevoli

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker avverte che se Italia e Francia entro marzo 2015 non attueranno le "misure efficaci" per rispettare il Patto di Stabilità e Crescita allora per i due Paesi "le conseguenze saranno spiacevoli".

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker non ci gira attorno e, intervistato dal tedesco 'Frankfurter Allgemeinen Zeitung', avverte che Italia e Francia devono intervenire entro il prossimo marzo per rispettare le indicazioni del Patto di Stabilità e Crescita, altrimenti "le conseguenze saranno spiacevoli". Anche l'Eurogruppo si era allineato con il parere della Commissione UE dicendosi preoccupato per "l'elevato livello del debito pubblico italiano" consigliando quindi al nostro Paese di adottare entro marzo "misure efficaci per consentire un miglioramento dello sforzo strutturale". Cosa intenda dire Juncker per "conseguenza non piacevole" non è ancora però del tutto chiaro, anche se comunque abbastanza prevedibile.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: