le notizie che fanno testo, dal 2010

Bocchino: nessuno scandalo se parenti in Rai

Italo Bocchino a Sky Tg24 non trova nè scandaloso nè illecito che alcuni familari di politici lavorino e producano per la Rai.

Italo Bocchino torna a parlare, questa volta tramite un'intervista a Sky Tg24. Non sulle sue dimissioni da vicecapogruppo del Pdl alla Camera ma sul fatto che alcuni familari di politici producono programmi televisivi per la Rai. Bocchino non lo trova affato scandaloso e sicuramente non un atto illecito. Ammette che i contratti più importanti vanno a Endemol, la cui proprietà è di Silvio Berlusconi, ma afferma che questa società produce ricchezza oltre che audience.
D'altronde, non la poteva pensare diversamente l'ex vicecapogruppo del Pdl, visto lo scandalo emerso da "Il Giornale" che pubblicava il contratto di produzione assegnato dalla Rai alla moglie di Bocchino.
Bocchino ironizza sul fatto che se si volesse fare un codice etico che vietasse ai "parenti fino al sesto grado di chi siede in Parlamento" di entrare a lavorare in Rai sarebbe d'accordo. Sottolinenado che tanto il più colpito sarebbe Berlusconi e figli.
Non manca poi di sottolineare il fatto che le società della famiglia Frau-Tulliani sono nate solamente quando la Tulliani si è fidanzata con Fini, mentre quella di Gabriella Buontempo è attiva da ltre un ventennio.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: