le notizie che fanno testo, dal 2010

Bocchino: Fini e Fli, stanno dalla parte della scuola pubblica

Italo Bocchino risponde al premier e al suo concetto di scuola pubblica, una scuola che il vero centrodestra non può "mortificare". Ricordando che di "scuole private" ne esistono almeno tre: una cattolica, una dei "diplomifici", l'altra appannaggio solo dei ricchi.

Non solo la sinistra si oppone alla visione di "scuola pubblica" di Berlusconi ma anche il centrodestra, quello di Futuro e Libertà per intenderci, e questo potrebbe preoccupare il leader assoluto del PDL.
Italo Bocchino dal suo blog sottolinea la differenza tra il centrodestra di Fli e quello berlusconiano.
Scrive Bocchino: "Fli si è proposto come il nuovo centrodestra, il vero centrodestra, colmando il vuoto lasciato dal fallimento del Pdl. Fini è stato chiaro nel dire che il partito che costruiremo dev'essere ciò che il Pdl non è stato, quel grande contenitore nazionale, popolare, moderato, riformista e liberale alternativo alla sinistra, in cui si possano riconoscere culture plurali all'insegna della vera partecipazione e della democrazia interna".
Su questa idea di partito e di centrodestra Italo Bocchino non poteva che prendere le distanze sue e del suo partito, dalle parole di Berlusconi sulla scuola pubblica, parole che il presidente del Consiglio ha poi detto essere "strumentalizzate".
"Veniamo adesso all'attacco del premier alla scuola pubblica. - dice Italo Bocchino - Possono il centrodestra italiano e la destra nazionale immersa culturalmente nell'Italia di Giovanni Gentile screditare così il grande patrimonio educativo, istruttivo e culturale rappresentato dalla nostra scuola? Possono il centrodestra italiano e la destra nazionale mortificare così il popolo di insegnanti sottopagati che ogni giorno forma i nostri figli?".
Bocchino sottolinea: "Il vero centrodestra, quello di Fini e di Fli, sta dalla parte della scuola pubblica, così come prevede la Costituzione, senza nulla togliere alla scuola privata, che in parte svolge una funzione molto positiva. In Italia esistono tre tipi di scuole private. Quella cattolica va sostenuta e rispettata per quanto di buono fa, poi c'è la scuola privata che funge da diplomificio a pagamento e che andrebbe chiusa e, infine, la scuola privata per i figli dei ricchi, utile a farli diventare di norma ignoranti, ma poliglotti".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: