le notizie che fanno testo, dal 2010

Berlusconi è solo il leader degli estremisti. Bocchino dixit

Italo Bocchino sembra essere sicuro che se Letizia Moratti perderà a Milano potrà esserci "una crisi di governo", ricordano che Berlusconi "vinceva quando era il leader dei moderati" mentre ora "è solo il leader degli estremisti".

Mentre La Lega Nord ha già promesso che di certo non si farà "trascinare a fondo" dal Pdl se i ballottaggi, soprattutto quello di Milano, vedranno la secca sconfitta del centrodestra, il Terzo Polo sembra voler adottare più una tecnica attendista e annuncia "la non indicazione esplicita dell'appoggio ad alcuno tra i candidati" nei ballottaggi delle Amministrative a Napoli e Milano. Ma cosa si attende da queste elezioni il Terzo Polo sembra chiaro, e a spiegarlo ci pensa Italo Bocchino con una "analisi politica" dalle pagine de "Il Messagero" (del 18 maggio 2011). "Berlusconi pensava di essere maggioritario nel Paese grazie alla sua capacità e al suo fascino - spiega Bocchino - invece deve rendersi conto che vinceva quando era il leader dei moderati. Ora, dopo la cacciata prima dell'Udc di Casini e poi di Fini, è solo il leader degli estremisti e si ritrova a inseguire a Milano una vittoria impossibile e a Napoli a combattere una durissima battaglia. La verità è che senza il terzo Polo non va da nessuna parte". Italo Bocchino sembra essere quindi sicuro che questa maggioranza di governo non possa tenere ancora a lungo: "I numeri parlano chiaro. E se vengono spalmati su base nazionale risulta evidente che il premier potrà scordarsi di ottenere la maggioranza al Senato. Ma anche alla Camera avrà grosse difficoltà". L'ago della bilancia, naturalmente rimane la Lega Nord che però "terrà fino ai ballottaggi", afferma sicuro Italo Bocchino, concludendo che se la Moratti verrà sconfitta a Milano allora non esclude "una crisi di governo".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: