le notizie che fanno testo, dal 2010

Multa M5S: nessun tribunale vi darà mai ragione, avverte Italia dei Valori

Per evitare i "dissidenti" il MoVimento 5 Stelle ha fatto firmare ai candidati alle amministrative di Roma una sorta di contratto che prevede una multa da 150mila euro per chi pensa di cambiare "casacca". Ma l'Italia dei Valori avverte il M5S: "E' un'idea nostra e nessun tribunale ci ha mai dato ragione".

Per evitare i "dissidenti" il MoVimento 5 Stelle ha fatto firmare ai candidati alle amministrative di Roma una sorta di contratto che prevede non solo che sui temi più delicati bisognerà passare per una consulenza indicata dai vertici (Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio?) ma anche una multa da 150mila euro per chi pensa di cambiare "casacca". "Il candidato - si legge nel documento - accetta la quantificazione del danno d'immagine che subirà il M5S nel caso di violazioni dallo stesso poste in essere alle regole contenute nel presente codice e si impegna pertanto al versamento dell'importo di 150mila euro, non appena gli sia notificata formale contestazione a cura dello staff coordinato da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio".
Anche in occasione delle europee i 5 Stelle avevano fatto firmare un contratto simile, solo che la cifra ammontava a 250mila euro. L'idea però non è nata nel 2014 visto che in sostanza è stato fatto "un banale copia e incolla delle idee di Italia dei Valori" come ricorda il Tesoriere nazionale del partito Ivan Rota. "Prendete le cose buone e lasciate perdere le cause perse e i consigli di primogenitura che 'qualcuno' vi continua a fornire" consiglia quindi Rota, non specificando però chi sia questo "qualcuno". Il Tesoriere dell'Italia dei Valori ricorda infatti: "Quel 'qualcuno' ha dimenticato di dirvi che, a parte soldi spesi per avvocati, le cause avviate contro chi ha lasciato IdV hanno portato al partito zero euro e nessun tribunale ci ha dato ragione. - concludendo - I propri dirigenti si tengono stretti con il confronto, con le idee, non con il ricatto, altrimenti oltre alla beffa c'è sicuramente il danno".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: