le notizie che fanno testo, dal 2010

Istat: a marzo 2016 export e import in calo

"A marzo 2016 sia le esportazioni (-1,5%) sia le importazioni (-2,4%) sono in diminuzione congiunturale. Il surplus commerciale è di 5,4 miliardi (+3,8 miliardi a marzo 2015 ). La diminuzione congiunturale dell'export coinvolge entrambe le principali aree di sbocco, con un decremento più accentuato verso i mercati UE (-2,5%)", illustra in un comunicato l'Istat.

"A marzo 2016 sia le esportazioni (-1,5%) sia le importazioni (-2,4%) sono in diminuzione congiunturale. Il surplus commerciale è di 5,4 miliardi (+3,8 miliardi a marzo 2015)" viene riferito in una nota dall'Istat.
"La diminuzione congiunturale dell'export coinvolge entrambe le principali aree di sbocco, con un decremento più accentuato verso i mercati UE (-2,5% ). Tutti i principali raggruppamenti di beni sono in flessione, a eccezione dei prodotti energetici (+16,4%) e dei beni strumentali (+1,9% ). Nel primo trimestre 2016, rispetto all'ultimo trimestre 2015, la dinamica dell'export (-1,7%) risulta in flessione ed è da ascrivere quasi esclusivamente all'area extra UE (-3,0% ). Al netto dei prodotti energetici la diminuzione è più contenuta (-1%) e i beni strumentali registrano una lieve espansione (+0,2% ). A marzo 2016 la flessione tendenziale dell'export (-1,1%) è da ascrivere esclusivamente all'area extra UE (-5,2% ). La diminuzione più ampia si rileva per paesi MERCOSUR (-28,2%) e paesi OPEC (-21,6% ). Le vendite verso il Belgio (+16,9%), gli Stati Uniti (+11,2%), la Repubblica ceca (+8,1%), il Giappone (+7,9%) e la Francia (+5,7%) sono in rilevante espansione. Le vendite di prodotti petroliferi raffinati (-24,7% ), sono in forte calo, mentre le esportazioni di mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi (+17,9%) contrastano la diminuzione tendenziale dell'export" prosegue l'Istituto di statistica.
"A marzo 2016 la diminuzione tendenziale dell'import (-5,9%) è determinata quasi esclusivamente dall'area extra Ue (-11,0%) e dagli acquisti di prodotti energetici (-32,5% ) - puntualizzano dall'ente statistico dello Stato -, di prodotti intermedi (-6,5%) e di beni di consumo durevoli (-6,3%)."
"Gli acquisti da Russia (-18,1%) e Cina (-15,1%) e l'import di petrolio greggio (-38,9%) e di prodotti petroliferi raffinati (-33,7%) registrano una forte diminuzione tendenziale. Nel primo trimestre dell'anno il saldo raggiunge 9,3 miliardi (15,2 miliardi al netto dei prodotti energetici). Si rileva un calo tendenziale dei flussi in valore (-0,4% per l'export e -2,4% per l'import) ma non in volume (+0,2% per l'export e +3,5% per l'import). Nei primi due mesi del 2016 la quota delle esportazioni italiane rispetto a quelle dell'area euro è rimasta invariata rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il lieve aumento dell'export italiano rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (+0,1%) è risultato inferiore a quello dell'insieme dell'area euro (+0,5%)" si chiarisce in conclusione.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: