le notizie che fanno testo, dal 2010

Programma nucleare Iran, Netanyahu: sia incluso diritto di Israele ad esistere

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu afferma che l'accordo sul programma nucleare iraniano deve includere tra i punti anche "un chiaro ed inequivocabile riconoscimento del diritto di Israele ad esistere".

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha espresso "forte opposizione" per l'accordo internazionale sul programma di sviluppo nucleare iraniano. Netanyahu ha quindi specificato che qualsiasi accordo finale tra i "5+1" (Stati Uniti, Cina, Russia, Francia, Gran Bretagna e Germania) e l'Iran sul suo programma nucleare deve comunque includere "un chiaro ed inequivocabile riconoscimento del diritto di Israele ad esistere". Il leader israeliano ha sottolineato quindi: "Israele non accetterà mai un accordo che consente a un paese che promette di annientarci di sviluppare armi nucleari". La preoccupazione di Bibi Netanyahu è che nel giro di qualche anno le restrizioni sul programma nucleare iraniano verranno rimosse, il che permetterebbe a Teheran di avere una "capacità massiccia di arricchimento dell'uranio", con il pericolo che venga utilizzato "per produrre molte bombe nucleari". Nel corso di una telefonata con Barack Obama, Netanyahu ha precisato che l'accordo raggiunto sul programma nucleare iraniano va infatti a "minacciare la sopravvivenza di Israele". Al contrario, in un discorso televisivo il presidente iraniano Hassan Rouhani ha espresso soddisfazione per l'accordo raggiunto sul programma nucleare, sottolineando come le grandi potenze hanno riconosciuto infine il diritto dell'Iran di arricchire l'uranio, anche se solo al 3,67%.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: