le notizie che fanno testo, dal 2010

Netanyahu: se Iran non ferma programma nucleare c'è "opzione militare"

Mentre gli italiani terminavano di votare per il referendum che ha messo una pietra sopra il nucleare, Berlusconi incontra a Roma il premier d'Israele Netanyahu, che afferma che se l'Iran non fermerà il suo programma nucleare allora bisognerà considerare "l'opzione militare".

Mentre gli italiani terminavano di votare per il referendum che ha messo una pietra sopra (stavolta definitiva) sul nucleare e ha bocciato l'idea di privatizzare l'acqua e di "non essere tutti uguali di fronte alla legge", Silvio Berlusconi incontrava Benjamin Netanyahu, primo ministro israeliano. Al termine del vertice bilaterale a Villa Madama, Berlusconi fa capire "all'amico" Netanyahu che l'Italia non sosterrà la possibile richiesta che l'ANP potrebbe fare all'ONU per un riconoscimento unilaterale dello Stato palestinese, spiegando che la pace può arrivare solo attraverso i "negoziati", e non con decisioni "unilaterali". Ma da Roma Netanyahu non tocca solo la questione israelo-palestinese, ma anche quella iraniana. Stando a quanto riporta l'Ansa, il premier d'Israele avrebbe affermato che se Teheran non cesserà di andare avanti col suo programma nucleare, allora in Iran non ci sarà nessuna "primavera araba" ma bensì un "inverno iraniano". Parole durissime che non sembrano lasciare fraintendimenti, visto che Netanyahu prosegue invitando la comunità internazione a "fare in modo che non succeda mai" che l'Iran concluda il suo programma nucleare, perché in caso contrario, e sembra dirlo senza troppa preoccupazione, bisognerà prendere in considerazione "l'opzione militare". Netanyahu sembra essere convinto che solo sotto tale minaccia l'Iran deciderà seriamente di interrompere il suo programma nucleare. Programma che Teheran afferma essere solamente per uso civile, ma il dubbio sembra essere quello che l'Iran possa sviluppare anche armi nucleari, visto che la tecnologia atomica è figlia della tecnologia bellica soprattutto per quanto riguarda la produzione delle bombe al plutonio.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: