le notizie che fanno testo, dal 2010

Israele: trovati morti i 3 ragazzi rapiti. Mogherini: dialogo prevalga

Israele ha confermato di aver trovato i corpi senza vita, nei pressi di Hebron, dei tre ragazzi israeliani spariti 18 giorni fa mentre facevano l'autostop nel sud della Cisgiordania. Il ministro degli affari Esteri, Federica Mogherini, nell'esprimere il suo "grandissimo dolore" per l'uccisione dei tre giovani israeliani rapiti lancia un "appello a tutte le parti affinché mostrino che chi attenta alla sicurezza di Israele non potrà prevalere minando la via del dialogo".

Israele ha confermato di aver trovato i corpi senza vita dei tre ragazzi israeliani rapiti. Eyal Yifrah, 19 anni, Gil-Ad Shayer, 16 anni, e Naftali Yaakov Frenkel, 16 anni, erano spariti 18 giorni fa, mentre facevano l'autostop, nei pressi dell'insediamento di Gush Etzion, tra Betlemme e Hebron, nel sud della Cisgiordania. I loro corpi sono stati ritrovati, seminascosti da alcuni cespugli, in un campo vicino al villaggio di Halhul, a poca distanza da Hebron. Il governo israeliano ha indetto immediatamente una riunione d'emergenza. Fonti israeliane imputerebbero il sequesto, e quindi la morte, dei tre ragazzi all'organizzazione estremista palestinese di Hamas. Il ministro degli affari Esteri, Federica Mogherini, ha espresso il suo "grandissimo dolore" per l'uccisione dei tre giovani israeliani rapiti qualche settimana fa. "Siamo vicini a Israele in questo momento di grave lutto. Voglio porgere al governo e al popolo israeliano le condoglianze mie e dell'intero governo italiano per questi omicidi che condanniamo nel modo più fermo. - afferma in una nota Mogherini - Mi auguro che sia fatta piena luce su quanto accaduto e che i responsabili di questo vile atto ne rispondano quanto prima davanti alla giustizia". Il ministro degli Esteri conclude lanciando un "appello a tutte le parti affinché mostrino che chi attenta alla sicurezza di Israele non potrà prevalere minando la via del dialogo, unica speranza di pace vera e duratura nella regione". Dopo il rapimento dei tre ragazzi, infatti, tra Israele e Palestina non sono mancati gli scontri. I militari istraeliani avrebbero effettuato più di 400 arresti tra i palestinesi, di cui quattro sarebbero morti.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: