le notizie che fanno testo, dal 2010

Uragano Irma: devastazione assoluta alle Barbuda. Black out radio per 12 ore

L'uragano Irma che si è abbattuto sui Caraibi "ha causato una devastazione assoluta" alle Barbuda, distruggendo il 90% delle case e delle infrastrutture.

Come da previsioni l'uragano Irma si è abbattuto sulle isole dei Caraibi, distruggendo il 90% delle case e delle infrastrutture delle Barbuda. L'isola di 1.600 residenti è rimasta in silenzio radio per oltre dodici ore, causando non poche preoccupazini sul destino degli abitanti.
Per fortuna, il bilancio delle vittime nell'isola sembra non particolarmente grave, anche se è morto un neonato mentre la madre cercava di sfuggire da una casa danneggiata.

Il primo ministro di Antigua e Barbuda, Gaston Browne, dopo aver sorvolato l'isola in elicottero ha ammesso: "Se fossi un uomo che piange, avrei pianto. L'uragano Irma ha causato una devastazione assoluta - aggiungendo - è non è un'iperbole. Barbuda è letteralmente in macerie". Stando alle prime stime, il costo per riparare tutte le infrastrutture non sarà inferiore a 150 milioni di dollari.
Il Fondo Monetario Internazionale "è pronto ad aiutare gli Stati membri alle prese con le conseguenze di questa catastrofe, offrendo se necessario sostegno finanziario rapido" viene intanto annunciato.

Finora, il passaggio dell'uragano Irma nei Caraibi, che ormai ha raggiunto Puerto Rico, ha causato 8 morti e 21 feriti. Intanto l'allerta rimane alta poiché mentre Irma si abbatteva sui Caraibi le tempeste tropicali Jose e Katia in poche ore sono diventate uragani.

© riproduzione riservata | online: | update: 07/09/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Uragano Irma: devastazione assoluta alle Barbuda. Black out radio per 12 ore
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI