le notizie che fanno testo, dal 2010

WFP: ridotte razioni cibo a sfollati in Iraq per mancanza fondi

La crisi colpisce anche il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP). In una nota l'organizzazione dell'ONU è infatti costretta ad annunciare che a causa di "un grave deficit di finanziamenti" sono state ridotte "la quantità di cibo che fornisce a quasi un milione di sfollati in Iraq".

La crisi colpisce anche il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP). In una nota l'organizzazione dell'ONU è infatti costretta ad annunciare che a causa di "un grave deficit di finanziamenti" sono state ridotte "la quantità di cibo che fornisce a quasi un milione di sfollati in Iraq". Già ad aprile, a causa delle difficoltà nel reperire fondi, il WFP aveva cominciato a "rivedere l'allocazione dei fondi disponibili per gli sfollati al fine di concentrarsi in particolare su coloro che hanno maggiore bisogno" viene ricordato nel comunicato, spiegando che "le persone che ricevono voucher alimentari hanno visto ridursi il valore del sostegno che ricevono da 26 dollari a 16 dollari". Il WFP deve invece ora dimezzare "la quantità della razione alimentare che distribuisce mensilmente, portandola dall'80 per cento al 40 per cento del fabbisogno giornaliero di una famiglia" precisando però che "le famiglie che vivono all'interno dei campi, le quali non hanno accesso a opportunità di lavoro, continuano, invece, a ricevere ancora l'intero ammontare delle razioni". Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite osserva: "Tali riduzioni sopraggiungono in una fase critica per quanti sono sfollati a causa del conflitto. Quasi tre milioni di iracheni hanno abbandonato le proprie case e continuano a spostarsi all'interno del paese. Mentre la situazioni umanitaria continua ad aggravarsi, molte persone vivono in condizioni precarie senza accesso a cibo, acqua e senza un riparo". Sono quasi tre milioni di iracheni sfollati, persone che hanno dovuto abbandonare le proprie case a causa del lungo conflitto che affligge il Paese e che continuano a spostarsi all'interno dell'Iraq. Il WFP è finanziato interamente da contributi volontari di governi, aziende e cittadini e l'operazione in Iraq "richiede 78,1 milioni di dollari per continuare ad assistere gli sfollati fino alla fine dell'anno".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: