le notizie che fanno testo, dal 2010

Obama invia altri 450 soldati in Iraq per fermare avanzata dell'ISIS

La Casa Bianca ha infatti annunciato che il presidente Barack Obama ha approvato l'invio di 450 soldati statunitensi in Iraq per aiutare le forze locali a combattere l'avanzata dello Stato Islamico.

Contrordine soldati, gli Stati Uniti aumentano le truppe in Iraq. La Casa Bianca ha infatti annunciato che il presidente Barack Obama ha approvato l'invio di 450 soldati statunitensi in Iraq, ma solo per aiutare le forze locali a combattere l'avanzata dello Stato Islamico. La Casa Bianca ha precisato che Obama "ha preso questa decisione dopo una richiesta del primo ministro iracheno Haydar al-Abadi". Le truppe supplementari degli Stati Uniti si uniranno quindi agli ancora circa 3.100 soldati americani presenti in Iraq, che attualmente stanno addestrando altrettanti combattenti iracheni. La proporzione 1:1 non ha mancato di suscitare critiche e ilarità negli Stati Uniti, e non solo. Secondo il piano adottato dall'amministrazione Obama, il numero dei centri di formazione degli Stati Uniti in Iraq (ad Al-Asad, Besmaya, Erbil e Taji) aumenterebbe a questo punto da quattro a cinque. Attualmente, tali combattenti sono principalmente curdi o musulmani sciiti, ma l'obiettivo USA è quello di coinvolgere un maggior numero di sunniti per fronteggiare l'ISIS, la cui ideologia si rifà appunto a questa corrente dell'Islam.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: