le notizie che fanno testo, dal 2010

Iraq: ok Parlamento ad invio armi ai curdi. Mogherini: è dovere morale

Il Parlamento italiano ha dato il via libera politico affinché siano inviate armi alla resistenza curda in Iraq, che verranno utilizzate per fronteggiare l'avanzata dei jihadisti dell'ISIS. Roberta Pinotti precisa che saranno inviate "armi automatiche leggere", mentre Federica Mogherini afferma che "è un dovere morale".

Il Parlamento italiano ha dato il via libera politico affinché siano inviate armi ai curdi dell'Iraq, con le quali si tenterà di "fermare" l'avanzata dei miliziani dello Stato islamico, che oggi hanno diffuso via internet un video dove viene mostrato lo sgozzamento di un reporter USA. Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha precisato che sarà costituito "da armi automatiche leggere dal relativo munizionamento" il contributo italiano per la resistenza dei curdi all'avanzata dei jihadisti dell'ISIS. Pinotti aggiunge anche però che "è all'esame l'evenienza di cedere materiale d'armamento, di non conveniente utilizzo, detenuto ad altro titolo dalle Forze Armate. Si tratta, in particolare, di armamenti più familiari e confacenti alle esigenze manifestate dai curdi, costituiti da armi individuali, di squadra e contro-mezzi (con relativi relativi munizionamenti), tutti di fabbricazione ex-sovietica, confiscati dall'Autorità giudiziaria a seguito di sequestro in mare avvenuto venti anni fa, nel corso del conflitto nei Balcani". Per Federica Mogherini, ministro degli Esteri, l'invio di armi è addirittura "un dovere morale".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: