le notizie che fanno testo, dal 2010

Serie A - Inter, a San Siro Motta-Coutinho stendono il Cagliari

I nerazzurri tornano a vincere dopo quasi un mese in campionato. La 12ma giornata di Serie A si apre con l'anticipo di San Siro che ha visto l'Inter battere il Cagliari per 2 a 1. La prima rete del match, siglata da Thiago Motta, è condizionata dalla posizione irregolare del brasiliano naturalizzato italiano. A chiudere il match ci ha poi pensato Coutinho che ha sostituito Sneijder, vittima di un problema muscolare poco prima della gara.

Dopo quasi un mese dall'ultimo trionfo in campionato, l'Inter torna ad esultare a San Siro. Il 2 a 1 contro il Cagliari è una vittoria che regala una buona dose di morale ai nerazzurri, soprattutto grazie alla buona prova dimostrata in campo. Il primo anticipo della 12ma giornata di Serie A, andato in scena ieri alle 18, è stato deciso da Thiago Motta (che però segna in evidente posizione di fuorigioco) e Coutinho che sigla il suo primo gol in campionato. A sorridere più di tutti è però Claudio Ranieri che vede la sua Inter allontanarsi dalla zona retrocessione e, tra l'altro, si prende una rivincita nei confronti di Ballardini (all'esordio sulla panchina del Cagliari) che l'anno scorso, alla guida del Genoa, fu artefice del suo esonero dalla Roma con l'incredibile rimonta da 0-3 a 4-3 al Marassi. Per il match contro il Cagliari, l'allenatore nerazzurro lascia l'attacco in mano alla coppia Pazzini-Zarate, con Coutinho a supporto. Il brasiliano è stato scelto per prendere il posto di Sneijder che ha avuto un problema muscolare poco prima della gara. Attacco speculare dall'altra parte, con Ballardini che si affida a Thiago Ribeiro e Nenè supportati dall'ex juventino Ekdal. Inizia meglio l'Inter che, dopo qualche occasione nata da calci da fermo, comincia a mettere seriamente in difficoltà i sardi. Al 20' Pazzini si gira velocemente e dal limite dell'area fa partire una saetta che si stampa sulla traversa della porta difesa da Agazzi. Tre minuti dopo la traversa salva di nuovo il Cagliari. Stavolta è Zarate a provarci direttamente da calcio di punizione, ma lo splendido tiro a giro ferma la sua corsa sul legno superiore. In tutto il primo tempo la squadra di Ballardini non riesce quasi mai a impensierire la formazione nerazzurra, con Julio Cesar che rimane inoperoso. Nella ripresa Ranieri sceglie di puntare sull'argentino Alvarez al posto del connazionale Zarate. La partita si sblocca al 54' quando Thiago Motta ribadisce in rete una deviazione di Pazzini su punizione calciata da Coutinho. Il popolo nerazzurro esulta, ma dalla moviola si vede come il brasiliano naturalizzato italiano si trovi in posizione irregolare al momento del tocco del centravanti azzurro. In ogni caso, sbloccato il risultato l'Inter appare meno tesa e continua a creare occasioni da rete. Nei successivi 5' è Coutinho a rendersi protagonista, prima calciando al lato con un destro da fuori area, poi chiudendo la partita con un bel rasoterra dal limite. Il 2 a 0 taglia le gambe al Cagliari che però al 70' trova la forza di andare a rete con Larrivey. L'argentino è però in fuorigioco e il gol viene annullato. I ragazzi di Ranieri temono comunque la beffa e continuano a spingere verso la porta difesa da Agazzi. Prima Stankovic con un tiro al volo, poi Pazzini non riescono a firmare il terzo gol nerazzurro. Sarà invece di nuovo Larrivey, stavolta in posizione regolare, a deviare nella porta di Julio Cesar un tiro di Nainggolan all'89', mettendo un po' di ansia a Ranieri e ai tifosi nerazzurri. Almeno fino a quando il triplice fischio chiude la partita e lancia l'Inter nella rimonta in campionato.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: