le notizie che fanno testo, dal 2010

Mourinho dà l'addio all'Inter

L'Inter batte il Bayern Monaco e fa la tripletta. Josè Mourinho, subito dopo la partita dà l'addio ai nerazzurri e pensa già al Real Madrid: "Sono l'uomo più felice del mondo ma molte cose non mi sono piaciute".

L'Inter ha appena battuto il Bayern Monaco nella finale di Champions League e José Mourinho pensa già al futuro, ammettendo di voler essere "l'unico allenatore che vince la Champions con tre squadre diverse". E aggiunge che è molto più probabile il fatto di andare al Real piuttosto che rimanere a Milano.
E' così che Josè Mourinho dà il suo addio all'Inter dopo la partita di calcio ai microfoni della Rai, sottolineando però che "la squadra nerazzurra mi piacerà per sempre".
Ammette che questa decisione gli porta una "grandissima tristezza", nonostante cerchi il più possibile di rimanere freddo nella sua vita professionale. "Io sono entrato nella storia dell'Inter, non voglio parlare molto, se parlo piango e non voglio farlo. Voglio una sfida diversa per la mia carriera", conclude Mourinho.
In merito alla partita Mourinho è "l'uomo più felice del mondo. Non ci sono parole: è stata una Champions fantastica e assolutamente impressionante. Ho vissuto questo giorno in modo più equilibrato possibile", ammette e sottolinea che la tripletta lo rende "super felice per il mio piccolo contributo a tutta la famiglia nerazzurra".
Ma l'ultimo sassolino Mourinho se lo toglie dicendo che molte cose non gli sono piaciute, come per esempio quando "un presidente dice che come allenatore sono scarso". E poi "un allenatore che non lascerò nulla al calcio italiano perché sono portoghese e le squalifiche e quando non c'é l'arbitro la procura che sta vicino alla panchina". Concludendo che "ci sono persone che capiscono di calcio ma non sono oneste quando giudicano l'Inter".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: