le notizie che fanno testo, dal 2010

Bologna Inter, Mancini: Icardi e Jovetic devono "cercarsi molto di più"

"Sapevamo che Roma, Napoli, Lazio sono squadre che hanno sempre fatto bene e che nel giro di un mese sarebbero tornate in alto. Noi dobbiamo cercare di rimanere là. L'obiettivo è rimanere nelle prime posizioni" assicura Roberto Mancini da Appiano Gentile a poche ore dalla partenza per Bologna, dove domani sera giocherà l'Inter.

"Sapevamo che Roma, Napoli, Lazio sono squadre che hanno sempre fatto bene e che nel giro di un mese sarebbero tornate in alto. Noi dobbiamo cercare di rimanere là. L'obiettivo è rimanere nelle prime posizioni, non è successo niente di grave, ci sono cinque squadre in 2 punti. Abbiamo bisogno di tempo per trovare la formula giusta per la squadra" assicura Roberto Mancini da Appiano Gentile a poche ore dalla partenza per Bologna, dove domani sera giocherà l'Inter.
Il tecnico nerazzurro è convinto inoltre che "il gol arriverà" anche per Mauro Icardi, visto che manca dalla partita contro la Fiorentina, invitando l'attaccante argentino e Stevan Jovetic a "cercarsi molto di più e lavorare l'uno per l'altro".
Contro il Bologna l'Inter si presenta con Fredy Guarin e Felipe Melo diffidati, e sabato c'è la Roma ospite a San Siro. Mancini sottolinea: "I diffidati sono sempre a rischio, prima o poi accadrà che saranno squalificati. Se giocheremo come il secondo tempo di Palermo faremo bene a prescindere da chi giocherà. - anticipando - Kondogbia può essere schierato sia in un centrocampo a due che a tre, con qualsiasi compagno di reparto". Infine, il tecnico precisa: "Biabiany non so se ha 60-65 minuti nelle gambe, non può essere al 100% per tutta la partita ma è un giocatore importante. Medel, Ranocchia e Jesus sono tre opzioni per sostituire Murillo. Ljajic sta abbastanza bene, ha velocità, tiro, sa fare gol, può darci una grande mano. Palacio è disponibile".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: