le notizie che fanno testo, dal 2010

Anticipo Serie A: Pazzini scivola, l'Inter pure. Udinese in vetta

L'Inter cade a San Siro nell'anticipo della 14esima giornata di Serie A. Lo 0 a 1 conquistato dall'Udinese li porta in testa alla classifica assieme al Milan, in attesa del match della Juventus, oggi pomeriggio contro il Cesena.

In casa Inter sembrano essersi spente nuovamente le luci. Lo 0-1 rimediato a San Siro dall'Udinese stona un po' con le dichiarazioni del tecnico nerazzurro Claudio Ranieri che lanciava la sua squadra ad una rimonta dagli ultimi posti della classifica per arrivare a giocarsi addirittura lo scudetto. Stona soprattutto con i due tiri in porta costruiti in tutto il match da Pazzini e compagni che, tra l'altro, sono anche sfortunanti nell'occasione del penalty sbagliato proprio dall'attaccante toscano. L'Inter, dopo la vittoria di Siena della settimana scorsa, rimane così a navigare a quota 14 punti, non lontano dalla zona retrocessione. Tutt'altro discorso per l'Udinese di Guidolin, capace non solo di domare i nerazzurri ma anche di controllare il match con autorità. E in una serata dove non segna Totò Di Natale (con un rigore parato da Julio Cesar), ci pensa il cileno Isla a chiudere la partita e a portare i bianconeri di nuovo in vetta alla classifica, a parimerito con il Milan e in attesa del match di oggi pomeriggio della Juventus contro il Cesena. A San Siro è andata in scena una partita dove il primo tempo non ha regalato emozioni, ma si compensa nella ripresa arricchita da numerose occasioni da gol. Al 73' il più classico dei contropiedi messo a segno dalla premiata ditta Di Natale-Floro Flores-Isla si chiude con il gol del cileno che porta in vantaggio i fiulani. Il tracollo nerazzurro potrebbe continuare quando Zanetti mette in bacheca un altro record storico, questa volta negativo. Il terzino argentino si fa espellere per un intervento da dietro in area di rigore su Asamoah, rimediando il primo cartellino rosso in campionato di tutta la sua lunga carriera. Di Natale ringrazia, va dal dischetto ma fa i conti senza Julio Cesar che si distende sulla sua sinistra e para. Totò impreca per la mancata occasione, soprattutto quando vede il suo compagno Ferronetti commetere un fallo da rigore su Milito all'89'. Difensore espulso e sul dischetto va Pazzini che però scivola al momento della battuta, rimediando un pallone alle stelle e una brutta figura. Alla fine del match Ranieri non può essere soddisfatto della sua Inter che non è mai sembrata superiore agli avversari che, a differenza dei nerazzurri, hanno sicuramente più diritto di parlare di scudetto.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: