le notizie che fanno testo, dal 2010

La Russa: 8 aerei da guerra italiani pronti "in qualsiasi momento"

Ignazio La Russa sostiene che il ruolo dell'Italia verso la Libia "non può essere quello degli affittacamere", cioè "quello che offre le basi" e basta. E infatti rivela dall'Annunziata che dalla mezzanotte è stata data la "disponibilità di 8 aerei". Da guerra naturalmente.

Le iniziative fino ad ora di tipo militare non hanno coinvolto nessun assetto italiano, nessun aereo né nave italiana" afferma il ministro della Difesa Ignazio La Russa ai microfoni di Sky riferendosi all'azione militare contro la Libia. La Russa spiega infatti che, pur "in ossequio alla risoluzione dell'ONU", gli attacchi alla Libia non sarebbero "azioni della coalizione, ma di azioni nella sostanza sotto l'egida delle singole nazioni" quindi "decise singolarmente dalla Francia e dalla Gran Bretagna".
Ignazio La Russa, inoltre, si augura "l'entrata in campo della NATO", specificando che il compito della coalizione è quello di "proteggere i cittadini libici" e non di "intervenire su Gheddafi".
Ignazio La Russa anticipa poi che l'azione umanitaria dell'ONU probabilmenteverrà coordinata da Capodichino, a Napoli, anche se già il presidente del III Municipio Alfonso Principe afferma: "Si tratta di una follia: abbiamo già tanti problemi con l'aviazione civile, figurarsi col traffico militare".
Ma La Russa avrebbe poi sostenuto che il ruolo dell'Italia, comunque, "non può essere quello degli affittacamere, di quello che offre le basi e dà le chiavi di casa: il nostro ruolo deve essere propositivo, moderato ma determinante". E infatti durante la trasmissione "In 1/2 ora" condotta da Lucia Annunziata il ministro della Difesa ha rivelato che "dalle 23:59 abbiamo dato la disponibilità di 8 aerei: quattro caccia e quattro Tornado in grado di neutralizzare i radar", pronti ad essere impiegati "in qualsiasi momento".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: